Il Bilancio Sociale 2005 di Mission Bambini in 5 minuti

  • Condividi su:
La lettera del presidente

Gli stakeholder, cioè i portatori di interesse

I progetti e i risultati

La raccolta fondi

La destinazione dei fondi raccolti

La Corporate governance e la struttura operativa

Il patrimonio intangibile dei volontari

Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del Bilancio Sociale 2005 (Pdf, 2,05 MB), o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 274 KB).

La lettera del presidente
«Cari sostenitori, l'anno 2005 della Fondazione Mission Bambini è stato caratterizzato da un forte sviluppo dell'attività di aiuto ai bambini e da un grande impulso al volontariato. Il dato più importante è rappresentato dall'attivazione di 85 nuovi progetti di aiuto in favore di 19.281 bambini. Particolare attenzione hanno ricevuto i Paesi colpiti dallo Tsunami dove Mission Bambini si è attivata subito con interventi di emergenza e con progetti di ricostruzione. Abbiamo dedicato attenzione e risorse anche al nostro territorio: infatti, nel corso del 2005, abbiamo attivato 15 progetti in Italia.

Nel 2005 abbiamo avviato una intensa attività di formazione per i volontari, allo scopo di favorire brevi esperienze di volontariato all'estero. In totale, 40 volontari hanno visitato i progetti di Mission Bambini. La visita è stata una esperienza di vita intensa per i volontari ma anche l'opportunità di toccare con mano l'impatto sociale delle attività di aiuto e di verificare lo stato di avanzamento dei progetti in corso. L'apporto dei volontari nella valutazione e nel monitoraggio dei progetti si aggiunge alla valutazione tecnica degli esperti e fornisce un contributo prezioso per la nostra organizzazione: uno sguardo indipendente e appassionato. Un momento importante dello scorso anno è stata l'istituzione di un evento nazionale. Per la prima volta, 500 volontari di Mission Bambini sono scesi in piazza, organizzando 72 banchetti in 58 città italiane, a sostegno del progetto "Una casa-famiglia per gli orfani di Bomet, Kenya". Gli ottimi risultati raggiunti ci incoraggiano a continuare lo sviluppo della rete dei volontari e a consolidarla nel 2006.

Per il terzo anno consecutivo la Fondazione presenta il Bilancio sociale con l'obiettivo di comunicare con trasparenza i risultati raggiunti nel 2005 ma anche di creare una occasione di confronto aperto e costruttivo con tutti i sostenitori. Rispetto al bilancio dell'esercizio precedente, abbiamo introdotto i seguenti aspetti di innovazione: la valutazione del patrimonio intangibile, la riflessione sulla strategia ambientale e un questionario di valutazione.

Sul piano economico-finanziario, nel 2005 Mission Bambini ha raccolto fondi pari a 2.206.526 euro, il 32% in più dei fondi raccolti nel 2004. Il Bilancio 2005 è stato revisionato da una società esterna ed ha ottenuto certificazione in data 3 aprile 2006.»

Goffredo Modena
Presidente di Mission Bambini
torna su <<


Gli stakeholder, cioè i portatori di interesse
I portatori di interesse (Stakeholder) di un'organizzazione non-profit sono tutti coloro che hanno per qualche motivo un interesse nell'organizzazione. A queste persone si indirizza in modo particolare il bilancio sociale affinché possano valutare quanto l'attività di Mission Bambini sia corrispondente alle loro aspettative e quanto sia coerente con la missione dichiarata dall'organizzazione. I portatori di interesse di Mission Bambini sono: i Bambini beneficiari dei nostri progetti, i Sostenitori, i Collaboratori, i Volontari, i Responsabili di progetto, i Media, le Istituzioni, le Aziende donatrici, i Potenziali Sostenitori, le Organizzazioni di Settore.
torna su <<


I progetti e i risultati
Il 2005 segna il sesto anno di vita di Mission Bambini dalla sua costituzione (gennaio 2000).
Il dato più importante che caratterizza il periodo 2000-2005 è rappresentato dal numero di bambini aiutati, pari a 83.188, di cui 19.821 nel 2005. È questo uno dei parametri di misura dell'efficacia dell'azione di Mission Bambini nel mondo.
Nel 2005 sono stati approvati 85 nuovi progetti in 35 Paesi, per un impegno complessivo di 1.374.266 euro. L'intervento di Mission Bambini è stato rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi ed acute, come nel caso del continente africano.


Erogazioni ai progetti nel 2005

Nel corso del 2005 sono stati supportati anche interventi di emergenza per rispondere alla drammatica situazione generata dallo Tsunami in Asia e per far fronte alla grave carestia in Niger. Va sottolineata anche l'attenzione di Mission Bambini al proprio territorio: nel 2005 la quota deliberata per progetti in Italia ha raggiunto il 26% del totale dei fondi deliberati.
I progetti sostenuti da Mission Bambini hanno una dimensione medio-piccola: nel 2005, l'85% dei progetti approvati ha avuto un contributo inferiore a 30.000 euro, il 15% dei progetti approvati ha avuto una dimensione più significativa, con un contributo superiore ai 30.000 euro.
torna su <<


La raccolta fondi
Nel 2005, sono state raccolte 33.284 donazioni, con un incremento del 23,5% rispetto al 2004. I fondi raccolti sono stati pari a 2.206.526 euro, il 32,0% in più rispetto al 2004. Oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dai fondatori di Mission Bambini (il 19,5%), le quote più importanti dei fondi raccolti provengono dai privati (54,6%) e dalle aziende (14,8%). Le donazioni provengono da tutte le aree del territorio nazionale: il 41, 8% dal Nord, il 36,7% dal Centro Italia ed il 21,5% dal Sud e Isole.
torna su <<


Provenienza e destinazione dei fondi raccolti nel 2005


La destinazione dei fondi raccolti
I fondi raccolti dai sostenitori sono destinati ai progetti prescelti dal sostenitore stesso. Qualora i fondi raccolti a favore di un progetto di aiuto ai bambini risultino superiori al fabbisogno necessario per sostenere quel progetto, i fondi in eccesso sono destinati ad altri progetti di aiuto e sostegno ai bambini. Nel 2005, il 75% dei fondi raccolti da Mission Bambini è stato utilizzato per realizzare progetti concreti di aiuto in favore dei bambini. Il 25% dei fondi è stato re-investito in attività di raccolta fondi e informazione.
Le spese per il supporto dell'organizzazione della Fondazione pari a 393.483 euro (stipendi del personale, canone locazione della sede, utenze varie, etc) sono state sostenute integralmente dai fondatori di Mission Bambini.
torna su <<


La corporate governance e la struttura organizzativa
La Fondazione Mission Bambini si avvale dei seguenti organi istituzionali ai fini della "governance" della propria attività: il Consiglio di amministrazione, il Comitato tecnico, il Presidente, il Collegio dei sindaci. La struttura operativa di Mission Bambini si compone dei seguenti settori di responsabilità: Gestione progetti, Raccolta fondi, Comunicazione e immagine, Gestione volontari, Adozioni a distanza, Amministrazione. La sede operativa della Fondazione Mission Bambini si trova a Milano, in Via Ronchi 17.
torna su <<


Il patrimonio intangibile dei volontari
Nel bilancio sociale 2005, abbiamo realizzato per la prima volta una valutazione del patrimonio intangibile apportato dai volontari all'organizzazione. Il valore intangibile, misurato con il metodo "Intangibile Assets Monitor" di Sveiby, è costituito dal capitale umano, dal capitale organizzativo e dal capitale relazionale.

1) Il Capitale Umano: chi sono i volontari e cosa fanno:
Le attività di volontariato presso la Fondazione Mission Bambini si possono suddividere in tre aree:
  • Volontariato in sede: si tratta di svolgere lavoro d'ufficio insieme ai collaboratori assunti dall'organizzazione.
  • Volontariato in Italia: si tratta di essere promotori sul proprio territorio di Mission Bambini, per esempio organizzando eventi di sensibilizzazione e raccolta fondi.
  • Volontariato all'estero: si tratta di fare un'esperienza all'estero, presso le comunità di bambini aiutate dalla Fondazione.

    Tra i volontari di sede e i volontari all'estero vi è una prevalenza di donne. I volontari di sede hanno prevalentemente un'età compresa tra i 45 ed i 60 anni, mentre i volontari all'estero hanno prevalentemente un'età compresa tra i 28 ed i 35 anni. Nel 2005 il gruppo dei volontari di Mission Bambini è notevolmente cresciuto in tutti i settori di attività ma soprattutto sul territorio italiano. Ciò grazie all'entusiastica partecipazione dei volontari al primo evento nazionale di piazza "Babbo Natale per un giorno".

    2) Il Capitale Organizzativo: la strategia per il volontariato
    La formazione dei volontari rappresenta senza dubbio uno degli aspetti qualificanti del rapporto tra la Fondazione e i volontari. Nel 2005 Mission Bambini ha organizzato 54 ore di formazione, con il coinvolgimento di 175 volontari. Un altro elemento di primaria importanza per supportare lo sviluppo della rete dei volontari è senza dubbio la comunicazione, interna ed esterna.

    3)Il Capitale Relazionale: le azioni dei volontari
    Allo scopo di valutare il complesso di risorse intangibili chiamato capitale relazionale, abbiamo misurato l'impatto del lavoro svolto dai volontari, sia in termini di ore lavorate, sia in termini di impatto della loro attività.

    Tipologia volontari N° volontari N° ore lavorate Impatto
    Volontari di sede 48 10.100 ore Equiparabile al lavoro di 5 collaboratori a tempo pieno in sede centrale
    Volontari in Italia 500 2.500 ore Visibilità in 58 piazze italiane, raccolta fondi pari a 97.000 Euro
    Volontari all'estero 40 800 giorni Equiparabile a 80 giorni di consulenza per la verifica dello stato di avanzamento di 40 progetti all'estero


    torna su <<
  • {gallery}265{/gallery}