INDIA: Il progetto “Case e Barche” si è concluso

  • Condividi su:
Mission Bambini ha sostenuto nel villaggio di Katarivarialem l'acquisto delle barche e delle reti e la costruzione delle case per le numerose famiglie di pescatori, la cui vita è stata sconvolta dal terribile Tsunami del 26 dicembre 2004. Il progetto è strettamente legato al nostro precedente intervento: a partire dal marzo 2005 abbiamo infatti avviato un programma di adozione a distanza dei bambini del villaggio , per permettere loro di superare lo schock provocato dal maremoto e per garantire loro il soddisfacimento dei bisogni di base ed in particolare la frequenza scolastica.

L'intera area ha sfruttato molto bene le opportunità offerte dagli aiuti ricevuti.
Stefano Oltolini, responsabile dei progetti di Mission Bambini in Asia, ha compiuto un lungo viaggio per visionare lo stato dei tanti progetti che la Fondazione sostiene nella zona dell'Andra Pradesh. E' rimasto toccato dall'accoglienza degli abitanti, dalla loro serenità e dalla loro capacità di gestione comunitaria.
A Katarivaripalem ha valutato i progetti dell'area Tsunami, "Case, barche e reti" e "Adozione a distanza di 253 bambini". L'impressione riportata è ottima. Le 22 case costruite col contributo di Mission Bambini sono terminate. Si allineano lungo la strada che porta al mare, riconoscibili perché dipinte di rosa .Sono state edificate dagli stessi abitanti del villaggio, solide e dignitose, inserite armonicamente nel contesto ambientale senza stravolgerlo.
Fino alla loro costruzione gli abitanti avevano vissuto in capanne di fortuna, dove ora vengono tenuti gli animali
La presenza costante e l'attività di Assist hanno aiutato gli abitanti del villaggio a migliorare la loro vita, attraverso programmi specifici per le famiglie più bisognose e pozzi, ma hanno dato anche l'impulso all'avvio di altre piccole attività.

Mission Bambini ringrazia tutti sostenitori che ci hanno aiutato a raggiungere questo importante obiettivo.