Notizie


Clicca al centro dell'immagine sotto
per sfogliare l'ultimo numero del notiziario!

Se vuoi abbonarti gratuitamente al notiziario cartaceo e riceverlo a casa tua, scrivi un'email a donatori@missionbambini.org specificando il tuo nome e cognome oltre all'indirizzo dove vuoi ricevere il notiziario.

La richiesta di adesione è stata accolta dal Consiglio nazionale

Nota del Presidente »

Modello operativo »

Progetti e risultati »

Raccolta fondi e sensibilizzazione »

La collaborazione con le aziende »

Le risorse umane e il volontariato »


Per maggiori informazioni, puoi sfogliare sotto la versione integrale del Bilancio Sociale 2011, puoi scaricare il PDF (Pdf, 4,16 MB) o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 145 KB).

Puoi inoltre scaricare la relazione sulla missione al 31/12/2011 (PDF, 54,6 kb) e la Nota integrativa (PDF, 100 kb).

Nota del Presidente
 
Grazie, volontari!
Viviamo nel nostro Paese, e non solo, un momento storico difficile, caratterizzato da crisi economica e crescente disagio e fragilità sociale. Tante certezze vacillano, molte paure si fanno avanti. Credo però che nei momenti di crisi ci siano anche importanti opportunità da cogliere attraverso l’innovazione e il cambiamento.
L’anno 2011 a cui si riferisce questo Bilancio Sociale è stato l’anno europeo del Volontariato e desidero sottolineare qui l’impegno dei nostri volontari e l’apporto del loro lavoro e del loro entusiasmo nella nostra Fondazione.
Penso ad esempio ai nostri volontari di sede: sono 92, pensionati o persone che per motivi familiari hanno smesso di lavorare o non sono impegnate a tempo pieno. Hanno donato tanto alla nostra Fondazione: tempo, competenze, capacità, relazioni. È bello vedere il loro sorriso e la loro gioia quando vengono a fare volontariato a favore dei bambini nella nostra sede.
Penso ai 79 volontari che nell’ultimo anno sono andati all’estero a visitare i nostri progetti di aiuto ai bambini. Hanno fatto un’esperienza interiore profonda ed estremamente interessante, hanno vissuto emozioni irripetibili. Ma ci hanno anche aiutato a valutare l’avanzamento dei progetti sostenuti e a documentare la vita dei bambini.
Penso alle volontarie (mamme, nonne) che prestano il loro tempo negli asili nido sostenuti dalla nostra Fondazione. Affiancano le educatrici nelle attività della giornata, svolgono anche compiti umili ma non meno importanti: cucina, pulizie, riassetto dell’asilo nido. E non solo: quanto entusiasmo nell’organizzazione di feste, e attività di gioco per i bambini!
Volgendo lo sguardo all’estero, penso ai tanti medici e infermieri italiani che partono come volontari con le missioni all’estero della nostra Fondazione. Sono professionisti di altissimo livello che donano la loro professionalità e le loro ferie per operare al cuore i bambini con gravi malformazioni cardiache in pericolo di vita. E in più trasferiscono ai colleghi del posto le loro competenze professionali.
Penso ai tanti volontari, oltre 1.000, che in occasione degli eventi nazionali della Fondazione (“Babbo Natale per un giorno”, “PrimaVera Festa”) donano il loro entusiasmo ed il loro tempo per i banchetti di raccolta fondi sul territorio nazionale, e in più organizzano feste e cene nelle loro città per raccogliere fondi.
Cari volontari, continuiamo a lavorare insieme con impegno, entusiasmo e un po’ di ottimismo: tanti bambini, tanti ragazzi, hanno bisogno del nostro aiuto, per un mondo migliore. A tutti voi volontari, un grande grazie per il vostro dono e per la vostra generosità, e… “grazie di esistere”!

Goffredo Modena

torna su «


Modello operativo

Mission Bambini non realizza direttamente i progetti con proprio personale e strutture, né all’estero né in Italia, ma sostiene finanziariamente specifici interventi che vengono realizzati nei Paesi più poveri da organizzazioni locali (partner) e che sono gestiti da un responsabile di progetto, che vive sul posto con i bambini/ ragazzi beneficiari. I progetti da finanziare vengono selezionati tra le numerose richieste di aiuto che la Fondazione riceve.
A questo approccio tipico da ente erogatore, Mission Bambini unisce un sistematico lavoro di affiancamento dei partner locali nelle diverse fasi di implementazione, monitoraggio e valutazione degli interventi. Il lavoro svolto per far crescere le capacità gestionali dei partner (capacity building) rappresenta un valore aggiunto importante dell’operato della Fondazione.
Mission Bambini considera la figura del responsabile di progetto il principale garante della buona riuscita dell’intervento finanziato e del raggiungimento degli obiettivi stabiliti.
Infatti, al responsabile di progetto sono attribuite le seguenti responsabilità:
• la presentazione alla Fondazione della richiesta di sostegno al progetto;
• la gestione operativa del progetto;
• l’assistenza e la cura dei bambini/ragazzi coinvolti nel progetto;
• la gestione dei fondi e dei beni materiali ricevuti da Mission Bambini;
• la comunicazione e la gestione della corrispondenza con Mission Bambini.
L’interlocutore del responsabile di progetto è l’Ufficio Progetti Estero o l’Ufficio Progetti Italia della Fondazione Mission Bambini, a seconda dell’area geografica in cui è localizzato il progetto da sostenere. I due uffici hanno i seguenti compiti:
• ricevono e analizzano le richieste;
• sottopongono le richieste alla valutazione del Comitato Tecnico;
• sottopongono i progetti che hanno superato la valutazione del Comitato Tecnico all’approvazione del Consiglio di Amministrazione;
• seguono il monitoraggio dei progetti durante la loro realizzazione;
• valutano i risultati finali dei progetti realizzati.
I due uffici rappresentano inoltre il tramite tra il responsabile di progetto e i soggetti interessati al progetto stesso (donatori, volontari).



torna su «


Progetti e risultati

Nel 2011 l’impegno di Mission Bambini a favore di progetti rivolti all’infanzia è rimasto sostanzialmente sugli stessi livelli dell’anno precedente, in linea con il risultato della raccolta fondi. I fondi effettivamente trasferiti ai partner locali nel corso dell’anno 2011 sono stati pari a 2.398.442 euro, contro i 2.616.726 euro dell’anno 2010.
L’Italia si conferma anche nel 2011 al primo posto tra i Paesi ricettori di aiuti, a conferma dell’attenzione della Fondazione alle problematiche vissute dai minori nel nostro Paese e della necessità di contribuire a darvi risposta.
I progetti su cui vi è stato almeno un trasferimento di fondi nel 2011 sono stati 194, in linea con il risultato del 2010 (193 progetti). Assai più importante, i beneficiari di questi progetti nel 2011 sono stati 123.912 bambini, con un aumento del 12,9% rispetto ai bambini aiutati nel 2010.
Ai progetti in Italia sono stati erogati 703.831 euro, pari al 29,3% dei fondi complessivamente erogati nell’anno dalla Fondazione. Nel 2010 furono destinati all’Italia il 30,1% dei fondi, compresi gli stanziamenti straordinari per il terremoto in Abruzzo.

torna su «


Raccolta fondi e sensibilizzazione

Nel 2011 sono state raccolte 51.727 donazioni (con un aumento del 13% circa sull’anno precedente) per un totale di 4.194.653 euro. La raccolta fondi è quindi aumentata del 2,2% rispetto all’anno 2010: un risultato da considerare buono, visto il difficile periodo economico. Si conferma peraltro una tendenza alla diminuzione della donazione media.
Oltre alle donazioni dei fondatori di Mission Bambini, le quote più importanti dei fondi raccolti provengono da: privati, eventi e sponsorizzazioni, aziende e fondazioni.
Nel 2011 hanno sofferto le donazioni da aziende a causa della grave crisi economica in atto. C’è stata una lievissima flessione rispetto al 2010 anche nella raccolta fondi da eventi.
La raccolta fondi da Fondazioni ha avuto un notevole incremento grazie alle importanti partnership intraprese. Da segnalare la collaborazione con Fondazione CON IL SUD con cui Mission Bambini ha promosso il Bando “Un asilo nido per ogni bambino - Area Mezzogiorno” e quella con UniCredit Foundation con cui è stato promosso il Bando “Sette asili nido per sette Regioni”.
Si registra una tenuta delle donazioni da privati, indice di un buon livello di fidelizzazione dei donatori che hanno colmato la diminuzione della donazione media con l’aumento del numero di donazioni. C’è stato inoltre un lascito importante.

Nel 2011 i fondi destinati all’attività istituzionale sono stati pari a 2.820.405 euro equivalenti al 67,2% del totale dei fondi disponibili. In base ad una riclassifica di alcuni costi, dal 2011 i fondi destinati all’attività istituzionale comprendono i fondi destinati al sostegno di progetti a favore dei bambini e anche gli oneri di sensibilizzazione, ovvero tutte le spese sostenute per tenere costantemente aggiornati i donatori sui progetti da loro finanziati e promuovere l’attività della Fondazione.
Applicando la stessa riclassifica dei costi all’esercizio precedente, risulta che nel 2010 i fondi destinati all’attività istituzionale erano stati pari al 71,4%. La diminuzione registrata nel 2011 della percentuale dei fondi destinati all’attività istituzionale è dovuta all’aumento dei costi di supporto generale.

Anche nel 2011 l’Italia è stato il Paese a cui sono stati destinati più fondi.

torna su «


La collaborazione con le aziende

La Fondazione Mission Bambini promuove ed incentiva, da diversi anni ormai, percorsi di Responsabilità Sociale d’Impresa (o CSR – Corporate Social Responsibility) con aziende nazionali e multinazionali basandosi su principi di trasparenza, condivisione, rispetto reciproco e mutuo beneficio.
Una relazione che è sancita da una volontà comune: individuare i progetti che in Italia e nel mondo necessitano urgentemente di aiuto e intervenire tempestivamente in favore dell’infanzia più bisognosa.
La fedeltà delle aziende che sostengono i progetti di Mission Bambini ormai da anni, trova ragione nell’impegno e serietà della Fondazione, nella puntualità dei report, negli aggiornamenti continui sull’avanzamento dei progetti, documentati attraverso fotografie, racconti filmati, testimonianze.
Alcune aziende coinvolgono i propri dipendenti, cha vanno a visitare in prima persona i progetti sostenuti.
Molto spesso i dipendenti diventano volontari attivi e preziosi per la Fondazione: ottimi ambasciatori e attivisti dentro e fuori all’azienda.
Inoltre, lavorare in un’azienda socialmente responsabile rappresenta un prezioso incentivo per la motivazione dei dipendenti, accrescendo il senso di appartenenza e di fidelizzazione
all’azienda stessa.
La partnership fra un’impresa e Mission Bambini tiene conto della strategia, degli obiettivi aziendali e della compatibilità con la mission della Fondazione. Entrambe le organizzazioni si sforzano di massimizzare i benefici ed intervenire in modo credibile e sostenibile.



Le risorse umane e il volontariato

Le persone che lavorano in Fondazione sono la risorsa fondamentale su cui si sviluppa l’attività di Mission Bambini per il perseguimento della sua mission. A tale scopo il Presidente dedica particolare cura alla gestione delle risorse umane, per favorire lo sviluppo e la collaborazione tra le persone e per creare un team impegnato nel raggiungimento degli obiettivi.
Forte e continuo è il richiamo alla mission della Fondazione e ai valori a cui essa si ispira.
L’organico di Mission Bambini è così composto:



Al 31/12/2011 erano attivi 92 volontari di sede. L’anno 2011 è stato caratterizzato da una leggera crescita delle presenze totali che, seppur con un ricambio distribuito nel corso dell’anno, ha visto registrare un incremento totale di 11 unità rispetto all’anno precedente.

Nel 2011, 79 volontari all’estero hanno visitato 73 progetti in 45 viaggi.
I volontari impiegati nella visita di progetti all’estero sono diminuiti rispetto all’anno precedente, ma hanno comunque contribuito in modo determinante all’obiettivo che la Fondazione si prefigge, di visitare almeno una volta all’anno ogni progetto sostenuto (anche grazie ai consulenti e al personale dell’Ufficio Progetti Estero). Nel 2011 inoltre i volontari all’estero hanno visitato 9 nuove richieste di finanziamento. Nel 44% dei casi i volontari erano alla seconda esperienza di visita ad un progetto sostenuto dalla Fondazione.

L’anno 2011 ha visto la Fondazione impegnata in un profondo cambiamento di strategia nella presenza di figure di coordinamento sul territorio nazionale attraverso una revisione del profilo, del ruolo e dell’impegno del Referente Provinciale di Laboratorio, volto ad assicurare una maggiore disponibilità di tempo e quindi una maggiore efficacia nelle azioni di sensibilizzazione, di raccolta fondi e di coinvolgimento dei volontari attivi nel territorio di competenza.
Il risultato dell’attività promozionale ha portato alla selezione di 5 nuovi “Referenti Volontari” a livello provinciale, tra più di 100 curricula pervenuti.
Alla fine del 2011 la rete dei Referenti Provinciali era attiva su 19 province italiane, con 16 “Referenti Volontari”, ciascuno con un proprio gruppo di volontari attivi.

torna su «

Nota del Presidente

La strategia

Progetti e risultati

Raccolta e destinazione dei fondi

La collaborazione con le aziende

Le risorse umane e il volontariato


Per maggiori informazioni, puoi sfogliare sotto la versione integrale del Bilancio Sociale 2010, puoi scaricare il PDF del Bilancio Sociale 2010 (Pdf, 3,48 MB) o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 162 KB).

Nota del Presidente

Il 2010 è stato il nostro 11° anno di attività e ha confermato il crescente impegno della Fondazione in Italia: quasi un terzo dei fondi erogati sono stati destinati ad interventi nel nostro Paese.
Un dato che riflette la scelta precisa di restituire al territorio una parte significativa delle risorse raccolte, in una fase economica ancora difficile, nella quale anche i fondi pubblici destinati al sociale diminuiscono.
Il nostro impegno in Italia si arricchisce inoltre di un nuovo ambito di intervento: negli ultimi mesi del 2010 abbiamo infatti avviato la campagna “Giovani al lavoro”, finalizzata a favorire l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani che hanno abbandonato gli studi.
In Italia continueremo a sostenere l’avvio di nuovi asili nido e i progetti di contrasto all’abbandono scolastico. Questo non significa però dimenticare i bambini che vivono nei Paesi più poveri.
Con la vostra attenzione e il vostro sostegno sono certo che potremo continuare ad offrire a tanti bambini una vita più dignitosa e serena, proprio là dove c’è più bisogno.

Grazie per la vostra vicinanza e per il vostro aiuto.

Goffredo Modena

torna su «


La strategia

La nuova strategia di Mission Bambini persegue i seguenti quattro principali obiettivi:
1. Minore dispersione
2. Maggiore efficacia, efficienza e competenza
3. Maggiore coerenza
4. Maggiore riconoscibilità.

Per perseguire questi obiettivi la Fondazione ha operato due fondamentali cambiamenti strategici.
Cresce l’impegno a favore dell’Italia
In primo luogo sono state definite e formalizzate linee di intervento specifiche per l’Italia, separando di fatto l’attività erogativa a favore del nostro territorio da quella a favore dei Paesi in Via di Sviluppo e stabilendo che indicativamente il 30% dei fondi erogati annualmente sarà destinato a favore dell’Italia.
Cresce l’impegno all’estero a favore di programmi pluriennali su tematiche prioritarie
In secondo luogo la Fondazione ha deciso di concentrare i contributi all’estero sui cosiddetti “programmi pluriennali”, focalizzati su tematiche prioritarie definite in base agli “Obiettivi del Millennio” (Millenium Development Goals, MDGs). I programmi pluriennali sono interventi realizzati da controparti locali ampiamente conosciute, con obiettivi di medio termine raggiungibili e condivisi, dove il contributo di Mission Bambini è conseguentemente più alto.
Le tematiche prioritarie individuate da Mission Bambini per i programmi all’estero sono:
1) lotta alla povertà e alla fame: sviluppo agricolo e autosufficienza alimentare, programmi per aumentare l’accesso all’acqua (MDGs: 1 e 7);
2) diritto alla vita e alla sopravvivenza: interventi sanitari per madri e bambini 0-5 anni (MDGs: 4 e 5);
3) lotta all’AIDS/HIV: programmi di prevenzione e cura per bambini e madri (MDG: 6);
4) programmi educativi: seguiti con interventi pluriennali di adozione a distanza (MDG: 2).

La scelta di concentrare i contributi sui “programma pluriennali” non esclude il sostegno ai cosiddetti “microprogetti”, ovvero quei progetti avviati con nuove controparti, di dimensione ridotta e con una prospettiva temporale di breve termine. Il finanziamento ai
“microprogetti” assume anzi un nuovo significato, introducendo il concetto di valutazione sistematica dei risultati del progetto e della performance delle controparti. L’esito positivo di un “microprogetto” diviene una delle pre-condizioni per definire l’avvio di un “programma pluriennale”.

torna su «


Progetti e risultati

Nel 2010 l’impegno di Mission Bambini nel sostenere progetti rivolti all’infanzia è continuato a crescere, nonostante la raccolta fondi sia leggermente diminuita rispetto all’anno precedente. Ciò è stato possibile grazie all’impiego di fondi accantonati nel 2009.
In particolare, le risorse effettivamente erogate ai progetti nel 2010 a seguito delle delibere del Consiglio di Amministrazione sono aumentate del 30%, passando da 2.056.665 euro nel 2009 a 2.616.726 euro.
I progetti su cui vi è stato almeno un trasferimento di fondi nel 2010 sono stati 193, con un aumento del 21% rispetto ai 159 del 2009. Ancor più importante, i beneficiari di questi progetti nel 2010 sono stati 107.872 bambini, con un aumento del 29% rispetto ai 83.446 bambini del 2009.
Ai progetti in Italia sono stati erogati nel complesso 788.729 euro, con un impegno pari al 30,1% dei fondi complessivamente erogati nell’anno dalla Fondazione. Questo dato colloca il nostro Paese al primo posto tra i Paesi ricettori di aiuti da parte della Fondazione, ma non solo: l’Italia ha ricevuto più fondi di ogni altro paese e anche di ogni continente.
Va sottolineato che nel corso del 2010 sono stati erogati 319.689 euro a sostegno degli interventi in Abruzzo, che vanno a sommarsi ai 58.400 euro erogati in precedenza, per complessivi 378.089 euro.

torna su «


Raccolta e destinazione dei fondi

Nel 2010 sono state raccolte 45.650 donazioni con una raccolta fondi di 4.104.490 euro. Il numero di donazioni nel 2010 è aumentato rispetto al 2009, soprattutto nella seconda metà dell’anno. Tuttavia l’importo medio delle donazioni è stato inferiore rispetto all’anno precedente, per cui la raccolta fondi totale è rimasta sostanzialmente invariata.
La diminuzione dell’importo medio delle donazioni è da imputare all’oggettiva crisi economica di cui hanno risentito i privati e la maggioranza dei settori economici. Per contro nel 2010 la Fondazione Mission Bambini ha registrato una crescita del numero di progetti con un conseguente aumento di bambini aiutati sia in Italia che all’estero.
Circa il 30% delle risorse raccolte nel 2010 sono state impiegate in Italia, nello sviluppo di progetti di contrasto all’abbandono scolastico e nell’avvio di asili nido e spazi gioco su tutto il territorio nazionale. Inoltre anche il 2010 è stato contraddistinto dal notevole impegno nei progetti di ricostruzione in Abruzzo.
Le donazioni provengono da tutto il territorio nazionale, come segue: il 40,8% dal Nord, il 30,8% dal Centro, il 28,4% dal Sud e Isole.
Oltre alle donazioni dei fondatori di Mission Bambini, le quote più importanti dei fondi raccolti provengono da: privati, eventi e sponsorizzazioni, aziende e fondazioni.

Nel 2010 i fondi destinati al sostegno di progetti a favore dei bambini sono stati pari a 2.553.734 euro equivalenti al 61,1% del totale dei fondi disponibili. Anche nel 2010 l’Italia è stato il Paese a cui sono stati destinati più fondi.
Le spese per il supporto dell’organizzazione della Fondazione, pari a 718.745 euro (stipendi del personale, canone locazione della sede, utenze varie, etc.) sono state sostenute quasi interamente, con un contributo di 600.000 euro, dai fondatori di Mission Bambini, in modo da non gravare sui fondi raccolti da privati e aziende.

torna su «


La collaborazione con le aziende

La Fondazione Mission Bambini promuove ed incentiva, da diversi anni ormai, percorsi di Responsabilità Sociale d’Impresa (o CSR – Corporate Social Responsibility) con aziende nazionali e multinazionali basandosi su principi di trasparenza, condivisione, rispetto reciproco e mutuo beneficio.
Nel 2010 sono stati raggiunti i seguenti risultati:
- avviate attività di CSR con 13 nuove aziende;
- lanciate 9 iniziative di co-marketing, di comunicazione
sociale e via web;
- organizzate 16 giornate di volontariato aziendale;
- realizzati 11 eventi aziendali;
- rinnovati i 3 programmi di payroll giving con importanti aziende multinazionali e inserimento di un nuovo programma.
Per quanto riguarda le sponsorizzazioni degli eventi della Fondazione, sono state coinvolte 7 aziende che hanno contribuito attraverso una donazione. Numerose aziende hanno contribuito all’evento “PrimaVera Festa” attraverso importanti donazioni in-kind (in natura).

torna su «


Le risorse umane e il volontariato

Le persone che operano nella Fondazione sono la risorsa fondamentale su cui si sviluppa l’attività di Mission Bambini per il perseguimento della sua mission.
A tale scopo il Presidente dedica particolare cura alla gestione delle risorse umane, per favorire lo sviluppo e la collaborazione tra le persone e per creare un team impegnato nel raggiungimento degli obiettivi. Forte e continuo è il richiamo alla mission della Fondazione e ai valori a cui essa si ispira.
L’organico di Mission Bambini è composto al 31/12/2010 da 25 persone.

Le attività di volontariato sono la principale testimonianza dei valori della Fondazione Mission Bambini, ma anche dell’impegno nel diffondere e nel comunicare la cultura della solidarietà e della cittadinanza attiva.
Le aree in cui i volontari possono prestare la propria opera sono tre.

Anche nell’anno 2010 si conferma la prevalenza delle donne tra i volontari di sede (elemento riscontrato anche tra i volontari all’estero). Per quanto riguarda le fasce di età, tra i volontari di sede prevalgono le persone oltre i 60 anni (a differenza dei volontari all’estero, che si concentrano nella fascia d’età 30-40 anni).  Nel 2010 81 volontari di sede hanno supportato nei lavori d’ufficio.

Nel 2010 è aumentato in maniera sostanziale il numero dei volontari impiegati nella visita di progetti all’estero, grazie anche ad un miglioramento del processo di selezione e formazione dei volontari rispetto alle necessità dei singoli progetti da visitare. Nel 2010 102 volontari hanno visitato 87 progetti in 57 viaggi all’estero.

Nel 2010 la rete dei Laboratori dei volontari di Mission Bambini presenti sul territorio nazionale ha registrato una contrazione consolidandosi su 22 Laboratori e 28 Referenti attivi in maniera pressoché costante durante l’anno. Alcuni Laboratori, vista la dimensione territoriale di alcune grandi città con un elevato numero di volontari coinvolti, contano infatti più di un Referente.

torna su «


Raccolti oltre 20.000 euro per offrire accoglienza negli asili nido

Nota del Presidente

I progetti e i risultati

Le risorse umane e il volontariato

Le aziende

La raccolta fondi

Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del Bilancio Sociale 2009 (Pdf, 3,25 MB) o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 221 KB). Leggi l'esame di bilancio comparso su Il Sole 24 Ore il 7 giugno 2010.


Nota del Presidente

10 anni sono passati da quando abbiamo iniziato l’attività della Fondazione a favore dei bambini che vivono una vita precaria e difficile fatta di povertà, malattia, ignoranza, violenza subita e solitudine. All’inizio non avrei mai pensato che dopo 10 anni avremmo reso più lieve l’esistenza di oltre 650.000 bambini.
Mi pare di vederli tutti insieme: salutano con la mano e sorridono. Ma nel lavoro di tutti i giorni vedo anche tanti altri bambini che non abbiamo ancora potuto aiutare, ma che vogliamo aiutare.
Da parte mia la promessa è di continuare ad operare in maniera limpida e trasparente nel rispetto dei valori ai quali ci ispiriamo: libertà, giustizia, verità, rispetto degli altri e solidarietà.
Vi ringrazio per la vostra attenzione e per la vostra vicinanza. Continuate a stare al nostro fianco.
Sono certo che con il vostro sostegno potremo ancora rendere più lieve e serena la vita di tanti bambini.

Goffredo Modena
Presidente di Mission Bambini

torna su «

I progetti e i risultati

Mission Bambini fornisce il proprio sostegno economico a progetti che hanno obiettivi chiari, concreti e che si caratterizzano per essere proposti e gestiti da un’organizzazione locale e da un responsabile del progetto che vive nel luogo dove si trovano i bambini.

I progetti finanziati appartengono a quattro categorie fondamentali:
- progetti di accoglienza
- progetti di assistenza sanitaria
- progetti di istruzione scolastica e formazione al lavoro
- progetti di adozione a distanza.

Coerentemente con la propria missione, anche nel 2009 l’intervento di Mission Bambini è stato principalmente rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi e acute.
Nel 2009 la Fondazione ha sostenuto 159 progetti di aiuto, beneficiando direttamente 83.446 bambini. Di questi, 3.069 bambini sono stati aiutati attraverso 42 progetti sostenuti in Italia (con una media di 73 bambini aiutati per progetto). Nel resto del mondo, sono stati aiutati 80.377 bambini attraverso 117 progetti (con una media di 687 bambini aiutati per progetto).
Complessivamente nel 2009 sono stati erogati ai progetti 2.056.665 euro.
In coerenza con quanto già realizzato nell’anno precedente, anche nel 2009 i fondi erogati ai progetti in Italia hanno rappresentato il 25,2% del totale (in costante aumento rispetto al 13% del 2006 e al 19% del 2007), confermando l’impegno assunto da Mission Bambini di destinare una parte considerevole dei fondi raccolti all’Italia.

torna su «

Le risorse umane e il volontariato

I collaboratori rappresentano, insieme ai volontari, il patrimonio umano di Mission Bambini e sono le risorse fondamentali su cui si sviluppa l’attività della Fondazione. Le persone che operano nella Fondazione sono la risorsa fondamentale su cui si sviluppa l’attività di Mission Bambini per il perseguimento della sua mission.
A tale scopo il Presidente dedica particolare cura alla gestione delle risorse umane, per favorire lo sviluppo e la collaborazione tra le persone e per creare un team impegnato nel raggiungimento degli obiettivi.
Forte e continuo è il richiamo alla mission della Fondazione e ai valori a cui essa si ispira.
L’organico di Mission Bambini al 31/12/2009 era composto da un totale di 21 persone.

I volontari rappresentano un grande patrimonio di energie, talenti, risorse, professionalità, idee ed entusiasmo. Per questo Mission Bambini dedica molto tempo ai suoi volontari e organizza periodicamente momenti di incontro e formazione. Le attività di volontariato presso la Fondazione Mission Bambini si possono suddividere in tre aree:
- volontariato in sede
- volontariato all’estero
- volontariato in Italia.

Per quanto riguarda i volontari di sede l’anno 2009 è caratterizzato da una stabilità del numero dei volontari mentre è aumentato il numero dei volontari impiegati all’estero, grazie ad una implementazione del processo di selezione dei volontari rispetto al progetto da visitare e alle attività da sviluppare in loco. A questo dato si deve aggiungere il campo di volontariato in Abruzzo nel periodo estivo che ha coinvolto 50 volontari della Fondazione provenienti da tutta Italia.
Nel 2009, 71 volontari hanno visitato 67 progetti in 42 viaggi all’estero.

Nel 2009 la rete dei volontari di Mission Bambini si è rafforzata su tutto il territorio nazionale grazie anche ad una strategia di intervento locale, che ha permesso di incontrare i gruppi sul loro territorio per un totale di 21 incontri.

torna su «

Le aziende

Nel 2009, la Fondazione Mission Bambini ha continuato ad investire molto nella fidelizzazione dei partner aziendali acquisiti negli anni e nell’ampliamento delle proprie partnership, prestando rilevanza al coinvolgimento dei dipendenti attraverso programmi di volontariato aziendale, payroll giving ed eventi aziendali. Nel 2009 sono stati avviati contatti e collaborazioni con 26 nuove aziende e fondazioni d’impresa, lanciate 11 iniziative di co-marketing e comunicazione sociale e via web, organizzate 20 giornate di volontariato aziendale, realizzati numerosi banchetti ed eventi aziendali. Inoltre, sono stati rinnovati ed ampliati i 4 programmi di payroll giving con importanti aziende multinazionali (Archon Italia S.p.A. & SGC, Johnson Diversey, Poste italiane, Value Partners) e sono state coinvolte 10 aziende in sponsorizzazioni di eventi.

torna su «

La raccolta fondi

Nel 2009 sono state raccolte 42.172 donazioni, con un leggero incremento del numero di donazioni rispetto al 2008. I fondi raccolti sono stati pari a 4.176.038 euro.
Nonostante la grave crisi economica, la Fondazione ha registrato un leggero aumento della raccolta fondi rispetto al 2008 grazie all’incremento delle donazioni registrate nell’area aziende & fondazioni ed eventi. Ciò ha permesso di compensare la leggera flessione registrata nell’area dei privati, dove, nonostante il costante sostegno dei donatori fedeli, il valore medio delle donazioni ha risentito della difficile situazione del Paese.

La maggior parte dei fondi raccolti da Mission Bambini viene utilizzata per realizzare progetti concreti di aiuto in favore dei bambini. Nel 2009 i fondi destinati al sostegno di progetti a favore dei bambini sono stati pari a 3.028.176 euro equivalenti al 70,3% del totale dei fondi disponibili.

 

torna su «

Le parole del Presidente Goffredo Modena


Il 2010 è per la Fondazione Mission Bambini un anno speciale: festeggiamo dieci anni di vita e di attività a  favore dei bambini che nel mondo e in Italia vivono in condizioni di povertà, malattia, abbandono, sfruttamento, ignoranza.

In questi dieci anni siamo cresciuti tanto e attraverso progetti concreti in 67 Paesi abbiamo aiutato più di 650.000 bambini. Abbiamo garantito loro una casa, cibo, accesso all’acqua potabile, istruzione, salute: in una parola, una vita migliore e la speranza di un futuro degno di una persona.

Quando abbiamo iniziato eravamo in tre, in un piccolo ufficio a Milano, e non pensavamo di poter raggiungere simili risultati. Tutto quello che abbiamo realizzato è stato possibile grazie alla solidarietà di molti: i volontari, le aziende, i donatori che da tutta Italia ci hanno sostenuti e ci sostengono ancora. Senza dimenticare le persone che in Fondazione lavorano con passione, impegno e professionalità.

E infine voglio ricordare e ringraziare le tante organizzazioni partner che gestiscono direttamente i progetti di aiuto ai bambini, le tante persone impegnate “sul campo” e che in numerose circostanze abbiamo potuto apprezzare per la loro dedizione, capacità, sensibilità e spesso altruismo. Il confronto con loro, e con i bambini aiutati, ci arricchisce enormemente perché ci apre lo sguardo su un mondo che altrimenti saremmo facilmente portati ad ignorare. Un mondo di cui i grandi media parlano poco. Un mondo che in maniera sempre più urgente sentiamo necessario aiutare, soprattutto nella parte più debole: i bambini.

Mi auguro che questo inizio di 2010 sia per tutti i nostri sostenitori, come lo è per noi, l’occasione per ricordare e guardare con soddisfazione i risultati raggiunti in questi dieci anni di lavoro intenso. A loro va il nostro ringraziamento per la fiducia che ripongono in noi e nel nostro operato, per la vicinanza e per l’aiuto dato ai bambini. E insieme l’augurio di iniziare insieme un nuovo cammino, per arrivare ad aiutare ancora tanti bambini nei prossimi anni.


Goffredo Modena
Fondatore e Presidente

I fondi raccolti destinati ad un centro per orfani sieropositivi

Al via le attività nei campi tende

La video gallery degli interventi tv