Notizie


Clicca al centro dell'immagine sotto
per sfogliare l'ultimo numero del notiziario!

Se vuoi abbonarti gratuitamente al notiziario cartaceo e riceverlo a casa tua, scrivi un'email a donatori@missionbambini.org specificando il tuo nome e cognome oltre all'indirizzo dove vuoi ricevere il notiziario.

Il 24 e il 25 marzo oltre 200 volontari di Mission Bambini saranno presenti in più di 40 piazze per raccogliere fondi

La Fabbrica del Sorriso ha scelto anche la Fondazione Mission Bambini tra i beneficiari della quarta edizione che, da domenica 18 a domenica 25 marzo, coinvolgerà tutta l'Italia in una raccolta fondi a sostegno di progetti legati all'acqua e all'infanzia.

Sabato 24 e domenica 25 marzo oltre 200 volontari della Fondazione Mission Bambini saranno presenti in più di 40 piazze per sensibilizzare l'opinione pubblica alle tematiche dell'infanzia in difficoltà ma soprattutto per raccogliere fondi, offrendo a tutti gli interessati, a fronte di un piccolo contributo, la maglietta de La Fabbrica del Sorriso e molti altri gadget.

I progetti che la Fondazione Mission Bambini vuole realizzare grazie all'opportunità de La Fabbrica del Sorriso sono:

  • impianto idraulico al Centro di Cardiochirurgia Pediatrica di Shisong in Cameroun: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini ha l'obiettivo di rendere operativo il Centro Cardiochirurgico di Shisong in Cameroun che ogni anno darà la possibilità a circa 400 bambini gravemente cardiopatici di essere visitati e operati al cuore.

  • acqua sicura nel distretto di Zambiani a Zanzibar: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini ha l'obiettivo di garantire "acqua sicura" (pulita, potabile e sana) ai 2.000 abitanti dei villaggi di Jambiani maggiormente interessati (Michangani, Mwendawima e Mfumbwi), connettendo una fonte d'acqua ai 3 villaggi tramite la costruzione di un acquedotto. Tra gli abitanti dei villaggi che beneficeranno del progetto ci sono 1.120 bambini e ragazzi.

  • acqua potabile per le scuole di Masoh, a nord del Cameorun: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini vuole risolvere il problema d'insufficienza cronica d'acqua potabile per gli 8.000 abitanti di Masoh, ed in particolare per i 2.500 bambini che frequentano le tre scuole primarie, tramite la riabilitazione ed estensione dell'acquedotto.

    LA FABBRICA DEL SORRISO

    La Fabbrica del Sorriso è l' iniziativa di solidarietà promossa da Mediafriends, la Onlus formata da Mediaset Medusa e Mondadori che, in quattro anni di attività, grazie a molteplici iniziative di solidarietà, ha raccolto ed erogato oltre 23 MILIONI DI EURO che sono stati destinati alla realizzazione di più di 70 PROGETTI in Italia e nel mondo.

    Il tema della quarta edizione della raccolta benefica è L'acqua e l'infanzia in Italia e nel mondo. A un quinto dei bambini della terra manca acqua, ne basterebbe solo un pò di più per salvar loro la vita. L'acqua è inoltre un importante strumento di prevenzione e cura per alcune malattie che colpiscono i più piccoli.
    Alla luce di queste premesse, Mediafriends ha scelto quattro associazioni che hanno proprio nel valore dell'acqua il centro dei loro progetti umanitari: LEGA ITALIANA FIBROSI CISTICA con il progetto Terapia respiratoria con l'acqua salata, GREEN CROSS con il progetto Semina l'acqua in Burkina Faso, SAVE THE CHILDREN con il progetto Salute igiene per i bambini del Nepal e ACRA con il progetto Tutti per l'acqua, acqua per tutti.

    Inoltre, beneficerà dei fondi raccolti un secondo gruppo di associazioni tra cui la Fondazione Mission Bambini.

    LE INIZIATIVE
    Per un'intera settimana, da domenica 18 a domenica 25 marzo 2007, La Fabbrica del Sorriso coinvolgerà i palinsesti delle Reti Mediaset e di Radio R101 in una grande maratona benefica allo scopo di raccogliere fondi per le quattro associazioni.

    Su Canale 5: domenica 18 marzo sarà Paola Perego con il cast di Buona Domenica a dare il via alla quarta edizione de La Fabbrica del Sorriso e, sempre all'interno del contenitore domenicale, il 25 marzo si concluderà la quarta edizione della maratona benefica. Ogni giorno Maurizio Costanzo dagli studi di Buon Pomeriggio presenterà i singoli progetti e darà un aggiornamento costante sull'andamento della raccolta fondi. Durante la settimana si alterneranno momenti di spettacolo con artisti di rilievo, a divulgazione e informazione, a momenti di grande impatto emotivo con le storie dei bambini e delle loro famiglie.
    Grande Fratello dedicherà la prova della settimana a La Fabbrica del Sorriso con Alessia Marcuzzi che ospiterà in studio Fabrizio Fontana - alias James Tont - che è stato in Bolivia, a documentare l'attività svolta dall'associazione ACRA.
    Elena Guarnieri ha realizzato un servizio in Burkina Faso per il progetto di Green Cross che sarà trasmesso nel programma di approfondimento Terra , condotto da Toni Capuozzo. Sabato pomeriggio, Elena Guarnieri sarà inoltre ospitata da Silvia Toffanin a Verissimo.

    Su Italia 1: Le Iene mostreranno un servizio realizzato da Giulio Golia in Nepal per Save the Children, mentre il progetto in Bolivia di ACRA troverà spazio in Mai Dire Martedì della Gialappa's .
    Su Retequattro, il difficile lavoro della Lega Italiana Fibrosi cistica sarà illustrato da Emanuela Folliero all'interno di Strananore attraverso la storia dei genitori di un ragazzo affetto da Fibrosi Cistica . Maria Amelia Monti ha invece incontrato i piccoli malati, le loro famiglie e l'equipe medica del Policlinico "Umberto I" di Roma per il programma di Tessa Gelisio , Pianeta Mare.
    Questi sono solo alcuni degli artisti e delle trasmissioni delle Reti Mediaset coinvolte nella gara di solidarietà.

    Radio R101, partner di Mediafriends, in occasione della maratona di solidarietà de La Fabbrica del Sorriso, da lunedì 19 a domenica 25 marzo 2007, trasmetterà in diretta dalla libreria Messaggerie Mondadori di corso Vittorio Emanuele a Milano, un'edizione speciale dei seguenti programmi: "Mitico" con Max Novaresi, "Molto Personale" con Marco Balestri, "Superclassifica" con Federica Panicucci, "La Domenica degli sportivi" con Dario Desi, Paolo Cavallone e Sergio Sironi.
    Nel corso della settimana, i conduttori di Radio R101, in compagnia di numerosi ospiti, coinvolgeranno i radioascoltatori e il pubblico presente, nelle iniziative di solidarietà della Fabbrica del Sorriso, dando costanti aggiornamenti sull'andamento della raccolta fondi.

    Mondadori sostiene i progetti de La Fabbrica del Sorriso e, anche quest'anno, partecipa attivamente alla maratona benefica. Donna Moderna, il settimanale diretto da Patrizia Avoledo e Cipriana Dall'Orto, contribuirà, con il numero in edicola giovedì 22 marzo, alla realizzazione dei progetti umanitari di Mediafriends, devolvendo alla Onlus - 0,20 euro per ogni copia venduta a 1,50 euro (1,10 euro la versione pocket).

    Sarà inoltre possibile effettuare donazioni attraverso i seguenti canali:
  • tramite bonifico bancario sul conto corrente Intesa/Sanpaolo numero 62/62 ABI 3069 CAB 09400, intestato a Mediafriends;
  • tramite carta di credito, telefonando al numero verde 800.035.035, numero attivo anche per ricevere informazioni sull'iniziativa;
  • si potranno donare 2 euro chiamando da telefono fisso Telecom o inviando un SMS da telefono mobile, TIM, Vodafone, H3G e Wind, al numero 48548;
  • negli Autogrill, acquistando la Donocard da 5 euro; sarà inoltre possibile partecipare alla gara di solidarietà ordinando il Menù del Sorriso (10 centesimi in più per il cliente e 10 per Autogrill);
  • la Donocard sarà in distribuzione anche alle casse di 440 tra super e iper del Gruppo Carrefour/GS;


    Su ogni ordine di un prodotto Mediashopping, effettuato nella settimana dal 18 al 25 marzo, 2 euro andranno a La Fabbrica del Sorriso.

    Il 22 marzo, giornata mondiale dedicata all'acqua, Medusa devolverà in beneficenza i proventi di tutte le sue 10 sale cinematografiche.

    Inoltre, sabato 24 e domenica 25 marzo in tutti i cinema Multisala Medusa ed in 300 piazze italiane (200 in più rispetto alla passata edizione), i volontari delle associazioni coinvolte, saranno presenti per offrire, a fronte di un piccolo contributo, la maglietta de La Fabbrica del Sorriso e molti altri gadget.

    Ulteriori informazioni su La Fabbrica del Sorriso e sull'elenco delle piazze che ospiteranno gli stand di raccolta fondi si posso trovare visitando i siti www.mediafriends.it e www.fabbricadelsorriso.it.
Domenica 25 marzo si è conclusa La Fabbrica del Sorriso, la quarta campagna benefica organizzata da Mediafriends Onlus, i cui ricavati andranno a favore di quattro grandi progetti legati al tema dell'acqua e l'infanzia in Italia e nel mondo, anche della Fondazione Mission Bambini.
Più di 200 volontari di Mission Bambini sono scesi in 41 piazze a presidiare i banchetti per offrire magliette e spillette in cambio di una donazione. Nonostante il cattivo tempo un po' in tutta Italia, i risultati della raccolta fondi hanno superato tutte le aspettative.
In particolare i volontari presenti a Salerno sono stati protagonisti di due collegamenti televisivi con Buona Domenica insieme a Giulio Golia, inviato del programma "Le Iene". Golia ha sfoderato tutta la sua simpatia napoletana per coinvolgere i passanti e convincerli a contribuire alla Fabbrica del Sorriso. Con il suo intervento e l'entusiasmo dei volontari le magliette sono andate a ruba!
Grazie al sostengo della Fabbrica del Sorriso "aiutare i bambini" vuole realizzare tre progetti:

  • impianto idraulico al centro di cardiochirurgia pediatrica di Shisong in Cameroun: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini ha l'obiettivo di rendere operativo il Centro Cardiochirurgico di Shisong in Cameroun che ogni anno darà la possibilità a circa 400 bambini gravemente cardiopatici di essere visitati e operati al cuore.

  • acqua sicura nel distretto di Jambiani a Zanzibar: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini ha l'obiettivo di garantire "acqua sicura" (pulita, potabile e sana) ai 2.000 abitanti dei villaggi di Jambiani maggiormente interessati (Michangani, Mwendawima e Mfumbwi), connettendo una fonte d'acqua ai 3 villaggi tramite la costruzione di un acquedotto. Tra gli abitanti dei villaggi che beneficeranno del progetto ci sono 1.120 bambini e ragazzi.

  • acqua potabile per le scuole di Masoh, a nord del Cameorun: con questo progetto la Fondazione Mission Bambini vuole risolvere il problema d'insufficienza cronica d'acqua potabile per gli 8.000 abitanti di Masoh, ed in particolare per i 2.500 bambini che frequentano le tre scuole primarie, tramite la riabilitazione ed estensione dell'acquedotto.

    Dopo una settimana di raccolta fondi che ha coinvolto tutto il palinsesto delle Reti Mediaset e di radio R101, l'ammontare delle donazioni ha toccato domenica sera l'eccezionale cifra di 5.746.000 euro.
    E non è finita: la raccolta fondi continuerà fino al 1 aprile nei punti vendita Carrefour/GS e fino al 25 aprile attraverso i bancomat del Gruppo Intesa/Sanpaolo o effettuando un bonifico sul c/c 62/62 ABI 3069 CAB 09400, intestato a Mediafriends.

    Il risultato 2007 si dimostra particolarmente significativo se paragonato a quello della scorsa edizione 2006, chiusa alla già ragguardevole cifra di circa 4 milioni di euro. Quest'anno gli italiani hanno offerto 1 milione e 700 mila euro in più (+42.5%) grazie al grande impegno profuso da Mediafriends:
  • più stand Fabbrica del Sorriso sul territorio: 300 (contro 100)
  • una radio ufficiale (R101) che ha ispirato a La Fabbrica del Sorriso tutto il palinsesto della settimana.
  • quattro artisti Mediaset che hanno offerto il loro volto per gli spot promozionali (Rita Dalla Chiesa, Emanuela Folliero, Tessa Gelisio, Silvia Toffanin) e gli inviati che hanno documentato sul posto i progetti delle associazioni (Elena Guarnieri, Maria Amelia Monti, Giulio Golia e Fabrizio Fontana).
  • il settimanale Mondadori, Donna Moderna che con il numero in edicola il 22 marzo ha devoluto a La Fabbrica del Sorriso 0,20 euro per ogni copia venduta a 1,50 euro.
  • Medusa che il 22 marzo ha devoluto i proventi di tutte le sue sale e multisale cinematografiche alla Onlus.

    Per avere informazioni sulle iniziative di Mediafriends Onlu s e sui progetti realizzati da La Fabbrica del Sorriso è possibile visitare i siti www.mediafriends.it e www.fabbricadelsorriso.it
  • Mission Bambini è tra le prime 100 ONLUS scelte dai cittadini. Grazie!

    La Fondazione Mission Bambini ringrazia i 5.793 cittadini che nel 2006 hanno devoluto il proprio 5 per mille a sostegno di 5 progetti concreti di aiuto all'infanzia.
    Con questo risultato la Fondazione Mission Bambini si colloca tra le prime 100 ONLUS italiane che hanno ricevuto più preferenze.
    Dopo oltre un anno di attesa, l'Agenzia delle Entrate ha finalmente pubblicato gli elenchi delle organizzazioni beneficiarie del 5 per mille dell'Irpef, il meccanismo di devoluzione fiscale per la prima volta sperimentato nel 2006.
    L'adesione dei cittadini contribuenti è stata sorprendente: ben 6 contribuenti su 10 hanno devoluto il proprio 5 per mille a finalità di interesse sociale. Ferruccio De Bortoli, direttore del Sole24 Ore, commentando questo incredibile successo ha dichiarato: "ormai il 5 per mille è entrato nelle corde degli italiani al pari dell'8 per mille".

    Ecco i dati nel dettaglio: sono stati 15.854.201 gli aderenti alla proposta del 5 per mille su un totale di 26.391.936 dichiarazioni dei redditi.
    Sul totale di coloro che hanno devoluto il proprio 5 per mille i maggiori contributi sono andati alle ONLUS (per il 59,40%), con 9.418.595 preferenze. Per gli enti della ricerca scientifica sono state espresse 2.172.226 preferenze (13,7%); la ricerca sanitaria ha ottenuto 2.195.203 (il 13% delle preferenze) così come i Comuni, con 2.068.177 preferenze (il 13%).

    Tra le prime 100 ONLUS, scelte dai cittadini, c'è anche la Fondazione Mission Bambini che ha ricevuto 5.793 preferenze. L'importo in euro corrispondente alle 5.793 preferenze accordate, attualmente non ancora noto, sarà destinato a 5 progetti di Mission Bambini, così come dichiarato nella campagna di promozione "5 per mille per 5 progetti":
    ZIMBABWE: salviamo 400 neonati dall'AIDS;
    INDIA: riabilitazione di un centro di accoglienza;
    PERU': sostegno a una scuola per bambini lavoratori;
    ITALIA: sostegno a un asilo-nido per mamme in difficoltà;
    SOS NIGER: acqua e cibo per i bambini
    .

    La Fondazione Mission Bambini ringrazia tutti coloro che hanno devoluto il proprio 5 per mille ed invita tutti coloro che nel 2007 ancora non hanno ancora provveduto alla dichiarazione dei redditi ad utilizzare questa innovativa misura fiscale.

    Per devolvere il proprio 5 per mille alla Fondazione Mission Bambini è semplicissimo e non costa nulla: è sufficiente mettere la propria firma nella casella che identifica le Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (ONLUS) e inserire il codice fiscale della Fondazione Mission Bambini 13022270154.
    Il 5 per mille raccolto nel 2007, sarà destinato al progetto "Un nido per ogni bambino" ed in particolare al sostegno di 5 asili nido in Italia.
    Mission Bambini ha sostenuto nel villaggio di Katarivarialem l'acquisto delle barche e delle reti e la costruzione delle case per le numerose famiglie di pescatori, la cui vita è stata sconvolta dal terribile Tsunami del 26 dicembre 2004. Il progetto è strettamente legato al nostro precedente intervento: a partire dal marzo 2005 abbiamo infatti avviato un programma di adozione a distanza dei bambini del villaggio , per permettere loro di superare lo schock provocato dal maremoto e per garantire loro il soddisfacimento dei bisogni di base ed in particolare la frequenza scolastica.

    L'intera area ha sfruttato molto bene le opportunità offerte dagli aiuti ricevuti.
    Stefano Oltolini, responsabile dei progetti di Mission Bambini in Asia, ha compiuto un lungo viaggio per visionare lo stato dei tanti progetti che la Fondazione sostiene nella zona dell'Andra Pradesh. E' rimasto toccato dall'accoglienza degli abitanti, dalla loro serenità e dalla loro capacità di gestione comunitaria.
    A Katarivaripalem ha valutato i progetti dell'area Tsunami, "Case, barche e reti" e "Adozione a distanza di 253 bambini". L'impressione riportata è ottima. Le 22 case costruite col contributo di Mission Bambini sono terminate. Si allineano lungo la strada che porta al mare, riconoscibili perché dipinte di rosa .Sono state edificate dagli stessi abitanti del villaggio, solide e dignitose, inserite armonicamente nel contesto ambientale senza stravolgerlo.
    Fino alla loro costruzione gli abitanti avevano vissuto in capanne di fortuna, dove ora vengono tenuti gli animali
    La presenza costante e l'attività di Assist hanno aiutato gli abitanti del villaggio a migliorare la loro vita, attraverso programmi specifici per le famiglie più bisognose e pozzi, ma hanno dato anche l'impulso all'avvio di altre piccole attività.

    Mission Bambini ringrazia tutti sostenitori che ci hanno aiutato a raggiungere questo importante obiettivo.
    La sede della Fondazione funziona grazie ai pannelli solari

    « Ascolta l'intervista di Lifegate al Presidente di Mission Bambini (6,10 MB - Mp3, durata: 3'48'')

    Grazie all'installazione di pannelli solari da oggi i PC e l'illuminazione interna della sede di Milano della Fondazione Mission Bambini funzionano ad energia solare!
    La Fondazione Mission Bambini è da sempre rispettosa dell'ambiente che la circonda; l'attenzione all'impatto ambientale avviene sia nella fase di valutazione dei progetti, sia nella gestione delle attività quotidiane e, da oggi, anche grazie ai pannelli solari installati presso la sede di via Ronchi 17 a Milano.

    L'impianto solare fotovoltaico funziona in parallelo alla rete di distribuzione dell'energia elettrica di bassa tensione e provvede a coprire parzialmente il fabbisogno energetico degli uffici della Fondazione; questo significa che Mission Bambini è autonoma dal punto di vista energetico per quanto riguarda l'utilizzo dei PC e l'illuminazione.
    Con una potenza massima di 2,3 kW, la producibilità media annua effettiva dei pannelli solari è di 3.200 kWh/anno.

    "Non possiamo pensare di aiutare i bambini e non pensare al loro futuro" ha affermato Goffredo Modena, Presidente e fondatore della Fondazione Mission Bambini. "Per questo abbiamo deciso di investire in questo importante progetto che ci permetterà di dare il nostro piccolo contributo all'ambiente".
    Con l'utilizzo dell'impianto fotovoltaico inoltre la Fondazione contribuisce a produrre energia elettrica senza alcuna emissione di sostanze inquinanti, contribuisce al risparmio di combustibile fossile e non produce inquinamento acustico.

    I pannelli solari di Mission Bambini sono collegati in bassa tensione alla rete di distribuzione dell'energia elettrica della Società Distributrice AEM Elettricità S.p.A., immettendo nella stessa l'energia prodotta in eccedenza rispetto al fabbisogno.

    L'impianto fotovoltaico

    Un impianto solare fotovoltaico è un dispositivo in grado di convertire la radiazione solare direttamente in energia elettrica. La tecnologia fotovoltaica sfrutta il cosiddetto "effetto fotovoltaico", basato sulle proprietà di alcuni materiali semiconduttori al silicio che, colpiti dalla luce solare, si "eccitano" sviluppando una carica elettrica. L'utilizzo dell'energia solare comporta benefici ambientali dovuti alla sostituzione di combustibili tradizionali con una fonte rinnovabile "pulita". Inoltre consente di ridurre la spesa energetica di un'abitazione, di un ufficio o di un'azienda; mentre si risparmia, si fa qualcosa per l'ambiente.
    La campagna di mobilitazione però continua.

    Sono stati ufficialmente comunicati i risultati relativi alla destinazione del 5 per mille del 2006.
    Con grande piacere abbiamo saputo che 5.793 cittadini hanno scelto di devolvere il proprio 5 per mille alla Fondazione Mission Bambini, per un importo totale pari a 204.264 euro.

    Un importante contributo che sarà interamente destinato a 5 progetti concreti a sostegno dell'infanzia, sia in Italia che nel mondo, come dichiarato nella campagna di promozione:

    ZIMBABWE: salviamo 400 neonati dall'AIDS;
    INDIA: riabilitazione di un centro di accoglienza;
    PERU': sostegno a una scuola per bambini lavoratori;
    ITALIA: sostegno a un asilo-nido per mamme in difficoltà;
    SOS NIGER: acqua e cibo per i bambini
    .

    Dopo questa buona notizia il Terzo Settore e Mission Bambini pensano già al futuro, proseguendo la mobilitazione per la campagna "Alziamo il tetto", promossa da Vita.

    Le ultime notizie a riguardo sono purtroppo negative; il Governo ha infatti presentato un emendamento alla Finanziaria con cui fissa il tetto del 5 per mille per il 2008 a soli 100 milioni.

    Un notevole passo indietro se si pensa che la campagna "alziamo il tetto" di Vita è stata lanciata per protestare contro un tetto di 250 milioni di euro!
    La decisione è ancora più amara considerate le numerose rassicurazioni ricevute - anche poco tempo fa - da diversi esponenti del governo e della maggioranza, sicuri che il 5 per mille sarebbe stato reintrodotto a vantaggio del Terzo Settore italiano oltre che del mondo della ricerca scientifica e sanitaria.

    Ora l'unica speranza è un ritiro dell'emendamento, oppure una sua bocciatura nella Commissione Bilancio del Senato, dove la Finanziaria è in discussione a partire da domani.

    La misura fiscale a sostegno di Onlus, volontariato e ricerca, ha riscosso fin dal primo anno un'adesione sorprendente dei contribuenti; solo nel 2006, primo anno di introduzione, il 5 per mille ha raccolto ben 345 milioni dal 60% dei contribuenti. Nel 2007 l'adesione dei contribuenti è salita, secondo stime dei Caf, al 70%, con un limite di spesa di 400 milioni.

    Partecipa anche tu alla campagna "Alziamo il tetto"!
    Leggi l'esame di bilancio comparso su Il Sole 24 Ore il 30 giugno 2008

    La lettera del presidente

    I progetti e i risultati

    La raccolta fondi

    La destinazione dei fondi raccolti

    La Corporate governance e la struttura operativa

    Il volontariato

    Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del Bilancio Sociale 2007 (Pdf, 4,24 MB), o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 372 KB).


    La lettera del presidente
    «L'anno 2007 è stato caratterizzato da un forte sviluppo dell'attività di aiuto ai bambini e da un grande impulso al volontariato.
    Nel 2007 Mission Bambini ha sostenuto 154 progetti, beneficiando direttamente oltre 218.000 bambini. L'aumento progressivo negli anni dei bambini direttamente beneficiati è uno dei parametri di misura dell'efficacia dell'azione di Mission Bambini nel mondo.
    Anche nel 2007 l'intervento di Mission Bambini è stato principalmente rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi e acute. Una parte considerevole dei fondi raccolti è stata destinata ai progetti in Italia.
    Nel 2007 sono stati avviati 10 asili nido e spazi gioco sparsi sul territorio nazionale nell'ambito del progetto "Un nido per ogni bambino".

    Il 2007 ha visto anche una forte crescita dell'attività di volontariato. È stata avviata una intensa attività di formazione dei volontari allo scopo di favorire esperienze di volontariato all'estero nelle zone dove si sviluppano i nostri progetti. Le visite dei volontari ai progetti hanno permesso di toccare con mano l'impatto sociale delle attività di Mission Bambini e di verificare lo stato di avanzamento dei progetti in corso.
    I volontari hanno svolto un ruolo fondamentale anche in Italia, nella promozione e realizzazione di eventi e manifestazioni di piazza su tutto il territorio.

    Sul piano economico-finanziario va sottolineato che nel 2007, Mission Bambini ha raccolto fondi pari a 3.945.706 euro, il 23% in più rispetto al 2006. I fondi destinati ai progetti di aiuto ai bambini sono stati pari al 69% del totale dei fondi raccolti.
    Nel 2007 abbiamo dato un piccolo ma concreto contributo alla salvaguardia dell'ambiente.
    Sono stati installati sul tetto degli uffici della Fondazione i pannelli solari con cui viene generata
    una potenza sufficiente per l'illuminazione e per alimentare tutti i PC.
    Con il bilancio sociale intendiamo comunicare con trasparenza i risultati raggiunti ma anche creare un'occasione di confronto aperto e costruttivo con tutti i portatori di interesse (stakeholder) di Mission Bambini.

    Il Bilancio 2007 è stato revisionato dalla società Deloitte e ha ottenuto la certificazione in data 4 aprile 2008.
    Ringrazio tutti i donatori e le aziende che hanno reso possibile, con le loro donazioni, la concretizzazione della nostra mission istituzionale: aiutare i bambini.
    Ringrazio i responsabili di progetto che vivono accanto ai bambini che aiutiamo: sono loro che, con tanta dedizione, interpretano i bisogni delle comunità locali e si fanno garanti del raggiungimento degli obiettivi dei nostri progetti.
    Ringrazio infine tutti i collaboratori della Fondazione Mission Bambini e i volontari che ci accompagnano con passione nel nostro lavoro quotidiano: negli uffici della sede di Milano, sul territorio italiano e all'estero. Grazie a tutti!»

    Goffredo Modena
    Presidente di Mission Bambini
    torna su «


    I progetti e i risultati
    L'anno 2007 è stato caratterizzato da un forte sviluppo dell'attività di aiuto ai bambini e da un grande impulso al volontariato. Il dato più importante che caratterizza il periodo 2000-2007
    è rappresentato dal numero di bambini aiutati, pari ad oltre 450.000 bambini
    . È questo uno dei parametri di misura dell'efficacia dell'azione di Mission Bambini nel mondo.




    Nel 2007 Mission Bambini ha sostenuto 154 progetti, beneficiando direttamente oltre 218.000 bambini.

    Mission Bambini fornisce il proprio sostegno economico a progetti che hanno obiettivi chiari, concreti e che si caratterizzano per essere proposti e gestiti da un'organizzazione locale e da
    un Responsabile del progetto che vive nel luogo dove si trovano i bambini.
    I progetti finanziati da Mission Bambini appartengono a quattro categorie fondamentali:
    . progetti di accoglienza
    . progetti di assistenza sanitaria
    . progetti di istruzione scolastica e formazione
    . progetti di adozione a distanza

    Coerentemente con la propria mission, anche nel 2007 l'intervento di Mission Bambini è stato principalmente rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi e acute.

    Va sottolineata anche per il 2007 l'attenzione di Mission Bambini a destinare una parte considerevole dei fondi raccolti al proprio territorio. Nel 2007 infatti i fondi erogati a progetti in
    Italia sono aumentati, passando da circa il 13% al 19% del totale.
    Nel corso del 2007 sono stati supportati anche 2 interventi di emergenza per rispondere al terremoto in Perù (agosto 2007) e al tifone Sidr in Bangladesh (dicembre 2007).

    Nel 2007 abbiamo dato un piccolo ma concreto contributo alla salvaguardia dell'ambiente. Sono stati installati sul tetto degli uffici della Fondazione i pannelli solari con cui viene generata
    una potenza sufficiente per l'illuminazione e per alimentare tutti i PC.
    torna su «


    La raccolta fondi
    Nel 2007 sono state raccolte 44.682 donazioni, con un incremento del 9,62% rispetto al 2006. I fondi raccolti sono stati pari a 3.945.706 euro, il 23,2% in più rispetto al 2006.
    Oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dai fondatori di Mission Bambini (15,7%), le quote più importanti dei fondi raccolti provengono dai privati (41,7%), dagli eventi (19,7%)
    e dalle aziende (13,2%).



    Le donazioni provengono da tutte le aree del territorio nazionale: il 43,8% dal Nord, il 26,6% dal Centro Italia e il 29,6% dal Sud e Isole.
    torna su «


    La destinazione dei fondi raccolti
    La maggior parte dei fondi raccolti da Mission Bambini viene utilizzata per realizzare progetti concreti di aiuto in favore dei bambini.
    Nel 2007 i fondi destinati al sostegno di progetti a favore dei bambini sono stati pari a 2.721.329 euro equivalenti al 69% del totale dei fondi disponibili.
    Le spese per il supporto dell'organizzazione della Fondazione, pari a 493.661 euro (stipendi del personale, canone locazione della sede, utenze varie, etc) sono state sostenute integralmente
    dai fondatori di Mission Bambini, in modo da non gravare sui fondi raccolti dai privati.
    torna su «


    La corporate governance e la struttura organizzativa
    La Fondazione Mission Bambini si avvale dei seguenti organi istituzionali ai fini della "Governance" della propria attività: Consiglio di Amministrazione, Comitato Tecnico, Presidente,
    Collegio dei Sindaci.
    La struttura organizzativa di Mission Bambini si compone dei seguenti settori di responsabilità: gestione progetti, adozioni a distanza, comunicazione ed eventi, raccolta fondi, gestione volontari, amministrazione.
    La sede operativa di Mission Bambini si trova a Milano, via Ronchi, 17.
    L'organico di Mission Bambini al 31/12/2007 era composto da un totale di 13 persone, di cui 10 con contratto a tempo indeterminato e 3 con contratto a progetto. Inoltre nel 2007 hanno preso servizio presso la sede di Mission Bambini 4 volontari in Servizio Civile Nazionale.
    torna su «


    Il volontariato
    I volontari rappresentano un grande patrimonio di energie, talenti, risorse, professionalità, idee ed entusiasmo. Per questo Mission Bambini dedica molto tempo ai suoi volontari e organizza
    periodicamente momenti di incontro e formazione.
    Le attività di volontariato presso la Fondazione Mission Bambini si possono suddividere in tre aree: volontariato in sede, volontariato in Italia, volontariato all'estero.
    Per quanto riguarda i volontari di sede e i volontari all'estero, l'anno 2007 è caratterizzato da una sostanziale stabilità del numero dei volontari. Anche nell'anno 2007 si conferma la prevalenza
    delle donne tra i volontari di sede e i volontari all'estero. Rimangono invariate le fasce di età dei volontari rispetto all'anno precedente, con una prevalenza di persone di età nella fascia 45-60 anni nel volontariato di sede e di età nella fascia 28-35 anni nel volontariato all'estero.

    Nel 2007 Mission Bambini ha potuto contare sull'aiuto di 63 volontari di sede.
    Nel corso dell'anno la rete dei volontari si è rafforzata su tutto il territorio nazionale: sono stati nominati 11 nuovi Referenti Volontari. Al 31.12.2007 sono 22 i Referenti di Mission Bambini sul territorio italiano.

    L'evento nazionale di piazza "Babbo Natale per un giorno", alla sua terza edizione, ha contribuito allo sviluppo della rete di volontari, coinvolgendo oltre 1.500 volontari in tutte le regioni italiane.
    torna su «
    La lettera del presidente

    I progetti e i risultati

    La raccolta fondi

    La destinazione dei fondi raccolti

    La Corporate governance e la struttura operativa

    Il patrimonio intangibile dei volontari

    Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del Bilancio Sociale 2006 (Pdf, 4,65 MB), o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 780 KB).


    La lettera del presidente
    «Ogni giorno i mezzi di comunicazione ci mostrano come il mondo sia dominato dalla violenza e dalle sopraffazioni di cui le donne e i bambini soffrono maggiormente. La Fondazione Mission Bambini con la propria opera concreta cerca di ridurre le sofferenze e le privazioni dei bambini dando loro anche qualche opportunità per una vita migliore.

    L'anno 2006 è stato caratterizzato da un forte sviluppo dell'attività di aiuto ai bambini e da un grande impulso al volontariato. Il dato più importante è rappresentato dall'attivazione di 94 nuovi progetti di aiuto in favore di oltre 160.000 bambini nel mondo. L'analisi della destinazione dei fondi raccolti per area geografica evidenzia una prevalenza di impiego in Africa ( 31,7%) e in Asia (24,2%).

    Molta attenzione è stata dedicata anche all'Italia dove è stato avviato il progetto "Un nido per ogni bambino" che ha l'obiettivo di aprire 20 asili nido e 10 spazi gioco per bambini in età da 0 a 3 anni in particolare nelle aree dove più alto è il disagio delle famiglie e dove le donne sono rimaste sole a prendersi cura del loro bambino. Ad oggi sono già stati avviati 6 asili nido sparsi sul territorio nazionale. È un progetto di largo respiro che impegnerà Mission Bambini nei prossimi 3 anni.

    Il 2006 ha visto anche una forte crescita dell'attività di volontariato. È stata avviata una intensa attività di formazione dei volontari allo scopo di favorire esperienze di volontariato all'estero nelle zone dove si sviluppano i nostri progetti. In sintesi, 46 volontari hanno visitato 48 progetti di Mission Bambini all'estero facendo un' esperienza profonda di solidarietà. Le visite dei volontari hanno permesso di toccare con mano l'impatto sociale delle attività di Mission Bambini e di verificare lo stato di avanzamento dei progetti in corso. L'apporto indipendente e appassionato dei
    volontari si aggiunge alla valutazione tecnica degli esperti che operano quotidianamente nella struttura organizzativa della Fondazione.

    Un momento importante per tutti i volontari e per l'intera organizzazione di Mission Bambini è stato l'evento nazionale "Babbo Natale per un giorno" (2-3 dicembre 2006) che ha comportato un notevole sforzo organizzativo e di reclutamento. 1.200 volontari sono scesi in piazza e hanno organizzato banchetti informativi e di raccolta fondi in
    168 città italiane a sostegno del progetto "Ristrutturiamo il pronto soccorso pediatrico dell'ospedale di Siem Reap" in Cambogia. Gli ottimi risultati raggiunti nel rapporto con i volontari, sia nella sede di Milano sia sul territorio nazionale, ci incoraggiano a continuare lo sviluppo della rete dei volontari nel 2007.

    Sul piano economico-finanziario va sottolineato che nel 2006, Mission Bambini ha raccolto fondi pari a 3.203.427 euro, il 39,5% in più rispetto al 2005. I fondi sono stati raccolti dai privati cittadini (50,0%), dalle imprese (17,6%), da eventi (7,2%) e dai fondatori di Mission Bambini (15,6%). I fondi destinati ai progetti di aiuto ai bambini sono stati pari al 66,0% del totale dei fondi raccolti.

    Per il quarto anno consecutivo la Fondazione presenta il Bilancio Sociale, secondo gli standard di valutazione della GRI (Global Reporting Iniziative). Con questo documento intendiamo comunicare con trasparenza i risultati raggiunti nel 2006 ma anche creare una occasione di confronto aperto e costruttivo con tutti i portatori di interesse (stakeholder) di Mission Bambini.

    Rispetto al bilancio dell'esercizio precedente abbiamo introdotto all'inizio di questo fascicolo la "Guida alla lettura: il bilancio in breve" per richiamare l'attenzione del lettore sugli elementi salienti del Bilancio e rendere più agevole e rapida la lettura dello stesso.

    Il Bilancio 2006 è stato revisionato dalla società Deloitte & Touche S.p.A. ed ha ottenuto la certificazione in data 5 aprile 2007. »
    Goffredo Modena
    Presidente di Mission Bambini
    torna su <<


    I progetti e i risultati
    Il 2006 segna il settimo anno di vita di Mission Bambini dalla sua costituzione (gennaio 2000). Il dato più importante che caratterizza il periodo 2000-2006 è rappresentato dal numero di bambini aiutati, pari a 222.713 bambini. È questo uno dei parametri di misura dell'efficacia dell'azione di Mission Bambini nel mondo.

    I progetti finanziati da Mission Bambini appartengono a quattro categorie fondamentali:
    a) progetti di accoglienza;
    b) progetti di assistenza sanitaria;
    c) progetti di istruzione scolastica e formazione
    d) progetti di adozione a distanza

    Nel 2006 la Fondazione Mission Bambini ha dato aiuto a 161.055 bambini e sostenuto 136 progetti in 46 Paesi per un impegno complessivo pari a 2.115.072 euro. Nel 2006 sono stati erogati ai progetti il 22% in più rispetto al 2005. L'intervento di Mission Bambini è stato rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi ed acute, come nel caso del continente africano a cui è stato destinato il 31% dei fondi erogati.



    Nel 2006 sono stati supportati anche 2 interventi di emergenza per rispondere alle crisi in Libano e nel nord Uganda. Mission Bambini è però anche attenta al proprio territorio:in Italia sono stati realizzati nel corso del 2006 15 progetti e destinati il 13,3% del totale dei fondi erogati.
    I progetti sostenuti da Mission Bambini sono proposti e gestiti da un'organizzazione locale e da un Responsabile del progetto che vive nello stesso luogo dove si trovano i bambini. Mission Bambini considera il Responsabile del progetto il principale garante della buona riuscita del progetto e del raggiungimento degli obiettivi.
    Accanto a progetti di dimensione medio-piccola (da 0 a 30.000 euro) nel corso del 2006 sono stati deliberati anche 18 progetti medio-grandi (da 30.000 euro a 100.000 euro), il cui valore medio è pari a 42.700 euro. In molti casi il contributo di Mission Bambini ha avuto l'importante ruolo di "iniziatore" (start-up) del progetto stesso.
    torna su <<


    La raccolta fondi
    Nel 2006 sono state raccolte 39.291 donazioni, con un incremento del 18% rispetto al 2005. I fondi raccolti sono stati pari a 3.203.427 euro, il 39,5 % in più rispetto al 2005.
    Oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dai fondatori di Mission Bambini (il 15,6%), le quote più importanti dei fondi raccolti provengono dai privati (50,0%) e dalle aziende (17,6%).
    Le donazioni provengono da tutte le aree del territorio nazionale: il 40% dal Nord, il 29% dal Centro Italia ed il 31% dal Sud e Isole.
    torna su <<




    La destinazione dei fondi raccolti
    I fondi raccolti sono destinati a progetti scelti dai donatori. Qualora il donatore non esprima una scelta, Mission Bambini provvede a destinare i fondi ad uno specifico progetto. Se i fondi raccolti a favore di un progetto di aiuto ai bambini risultano superiori al fabbisogno necessario per quel progetto, i fondi in eccesso sono destinati ad altri progetti.
    Nel 2006 i fondi destinati al sostegno di progetti a favore dei bambini sono stati pari a 2.114.331 euro, pari al 65% del totale dei fondi disponibili. Questa percentuale è ritenuta ancora insufficiente. Nel budget 2007 si prevede che i fondi destinati ai progetti di aiuto ai bambini siano pari al 73% del totale dei fondi disponibili.
    Le spese per il supporto dell'organizzazione della Fondazione, pari a 361.970 euro, sono state sostenute integralmente dai fondatori di Mission Bambini, in modo da non aggravare sui fondi raccolti dai privati.
    torna su <<


    La corporate governance e la struttura organizzativa
    La Fondazione Mission Bambini si avvale dei seguenti organi istituzionali ai fini della "Governance" della propria attività: Consiglio di Amministrazione, Comitato Tecnico, Presidente, Collegio dei Sindaci.
    La struttura organizzativa di Mission Bambini si compone dei seguenti settori di responsabilità: gestione progetti, adozione a distanza, comunicazione e raccolta fondi, gestione volontari, personale e sistemi informativi, amministrazione. Le persone in carico delle attività citate rispondono in linea diretta al Presidente.
    La sede operativa di Mission Bambini si trova a Milano, via Ronchi, 17.
    L'organico di Mission Bambini al 31/12/2006 era composto da un totale di 12 persone, di cui 7 con contratto a tempo indeterminato, 4 con contratto a progetto e 1 con contratto di stage. Inoltre nel 2006 hanno preso servizio presso la sede di Mission Bambini 3 volontari in Servizio Civile Nazionale.
    torna su <<


    I volontari, il nostro patrimonio
    Nel bilancio sociale 2005 abbiamo realizzato, per la prima volta nella nostra storia, una valutazione del valore intangibile apportato dai volontari all'organizzazione, costituito dal capitale umano, dal capitale organizzativo e dal capitale relazionale. Per rendere più significativa la valutazione, abbiamo deciso di ripeterla ogni anno, per rendere confrontabili nel tempo questi dati e capire l'efficacia delle nostre attività nel settore del volontariato.
    Abbiamo quindi applicato, anche nel 2006, il metodo Intangibile Assets Monitor di Sveiby, in accordo con le linee guida della Guidelines Reporting Iniziative (GRI).

    1) Il Capitale Umano: chi sono i volontari e cosa fanno:
    Le attività di volontariato presso la Fondazione Mission Bambini si possono suddividere in tre aree:
  • Volontariato in sede: si tratta essenzialmente di svolgere lavoro d'ufficio insieme ai collaboratori assunti dell'organizzazione.
  • Volontariato all'estero: si tratta dell'opportunità offerta ai volontari di fare un'esperienza di vita presso le sedi di progetto all'estero.
  • Volontariato in Italia: è una forma di volontariato molto importante per diffondere una cultura di solidarietà tra i cittadini e per far conoscere i progetti e le attività della Fondazione su tutto il territorio.

    Per quanto riguarda i volontari di sede e i volontari all'estero, l'anno 2006 è caratterizzato dalla stabilità del numero di volontari. Anche nell'anno 2006 si conferma la prevalenza femminile tra i volontari di sede e i volontari all'estero. Rimangono invariate le fasce d'età dei volontari rispetto all'anno precedente, con una prevalenza di persone nella fascia di età 46-60 nel volontariato di sede e nella fascia di età 28-35 anni nel volontariato all'estero.
    La crescita significativa del numero di volontari nel 2006 è da attribuire alla rete italiana. La rete di volontari si è rafforzata su tutto il territorio nazionale e sono stati nominati 11 volontari referenti, attorno ai quali si stanno creando gruppi organizzati. L'evento nazionale "Babbo Natale per un giorno" alla sua seconda edizione, ha contribuito allo sviluppo della rete di volontari, coinvolgendo 1.200 volontari in tutte le regioni italiane.

    2) Il Capitale Organizzativo: la strategia per il volontariato
    La formazione dei volontari rappresenta senza dubbio uno degli aspetti qualificanti del rapporto tra Mission Bambini e i volontari. Nel 2006 abbiamo creato un programma di formazione specifica di secondo livello, che ha affiancato ed arricchito il programma di formazione già sviluppato nell'anno precedente. In totale sono stati realizzati 5 corsi di formazione e 5 laboratori tematici, a Milano, Roma e Palermo, per un totale di 96 ore di formazione e il coinvolgimento di 264 volontari da tutta Italia.
    Un altro elemento di primaria importanza per il corretto sviluppo di una strategia di valorizzazione del volontariato è senza dubbio la comunicazione, sia interna che esterna.

    3)Il Capitale Relazionale: le azioni e l'impatto dei volontari
    Allo scopo di valutare il complesso di risorse intangibili chiamato capitale relazionale è stato misurato l'impatto del lavoro svolto dai volontari, sia in termini di ore lavorate, sia in termini di impatto della loro attività.

    Tipologia volontari N° volontari N° ore lavorate Impatto
    Volontari di sede 51 11.400 ore Equiparabile al lavoro di 6 collaboratori a tempo pieno in sede centrale
    Volontari in Italia 1.200 5.000 ore Visibilità in 128 città italiane, raccolta fondi pari a 205.000 Euro
    Volontari all'estero 46 920 giorni Equiparabile a 90 giorni di consulenza per la verifica dello stato di avanzamento di 48 progetti all'estero


    torna su <<
  • La lettera del presidente

    Gli stakeholder, cioè i portatori di interesse

    I progetti e i risultati

    La raccolta fondi

    La destinazione dei fondi raccolti

    La Corporate governance e la struttura operativa

    Il patrimonio intangibile dei volontari

    Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del Bilancio Sociale 2005 (Pdf, 2,05 MB), o se preferisci puoi scaricare questo estratto sintetico (Pdf, 274 KB).

    La lettera del presidente
    «Cari sostenitori, l'anno 2005 della Fondazione Mission Bambini è stato caratterizzato da un forte sviluppo dell'attività di aiuto ai bambini e da un grande impulso al volontariato. Il dato più importante è rappresentato dall'attivazione di 85 nuovi progetti di aiuto in favore di 19.281 bambini. Particolare attenzione hanno ricevuto i Paesi colpiti dallo Tsunami dove Mission Bambini si è attivata subito con interventi di emergenza e con progetti di ricostruzione. Abbiamo dedicato attenzione e risorse anche al nostro territorio: infatti, nel corso del 2005, abbiamo attivato 15 progetti in Italia.

    Nel 2005 abbiamo avviato una intensa attività di formazione per i volontari, allo scopo di favorire brevi esperienze di volontariato all'estero. In totale, 40 volontari hanno visitato i progetti di Mission Bambini. La visita è stata una esperienza di vita intensa per i volontari ma anche l'opportunità di toccare con mano l'impatto sociale delle attività di aiuto e di verificare lo stato di avanzamento dei progetti in corso. L'apporto dei volontari nella valutazione e nel monitoraggio dei progetti si aggiunge alla valutazione tecnica degli esperti e fornisce un contributo prezioso per la nostra organizzazione: uno sguardo indipendente e appassionato. Un momento importante dello scorso anno è stata l'istituzione di un evento nazionale. Per la prima volta, 500 volontari di Mission Bambini sono scesi in piazza, organizzando 72 banchetti in 58 città italiane, a sostegno del progetto "Una casa-famiglia per gli orfani di Bomet, Kenya". Gli ottimi risultati raggiunti ci incoraggiano a continuare lo sviluppo della rete dei volontari e a consolidarla nel 2006.

    Per il terzo anno consecutivo la Fondazione presenta il Bilancio sociale con l'obiettivo di comunicare con trasparenza i risultati raggiunti nel 2005 ma anche di creare una occasione di confronto aperto e costruttivo con tutti i sostenitori. Rispetto al bilancio dell'esercizio precedente, abbiamo introdotto i seguenti aspetti di innovazione: la valutazione del patrimonio intangibile, la riflessione sulla strategia ambientale e un questionario di valutazione.

    Sul piano economico-finanziario, nel 2005 Mission Bambini ha raccolto fondi pari a 2.206.526 euro, il 32% in più dei fondi raccolti nel 2004. Il Bilancio 2005 è stato revisionato da una società esterna ed ha ottenuto certificazione in data 3 aprile 2006.»

    Goffredo Modena
    Presidente di Mission Bambini
    torna su <<


    Gli stakeholder, cioè i portatori di interesse
    I portatori di interesse (Stakeholder) di un'organizzazione non-profit sono tutti coloro che hanno per qualche motivo un interesse nell'organizzazione. A queste persone si indirizza in modo particolare il bilancio sociale affinché possano valutare quanto l'attività di Mission Bambini sia corrispondente alle loro aspettative e quanto sia coerente con la missione dichiarata dall'organizzazione. I portatori di interesse di Mission Bambini sono: i Bambini beneficiari dei nostri progetti, i Sostenitori, i Collaboratori, i Volontari, i Responsabili di progetto, i Media, le Istituzioni, le Aziende donatrici, i Potenziali Sostenitori, le Organizzazioni di Settore.
    torna su <<


    I progetti e i risultati
    Il 2005 segna il sesto anno di vita di Mission Bambini dalla sua costituzione (gennaio 2000).
    Il dato più importante che caratterizza il periodo 2000-2005 è rappresentato dal numero di bambini aiutati, pari a 83.188, di cui 19.821 nel 2005. È questo uno dei parametri di misura dell'efficacia dell'azione di Mission Bambini nel mondo.
    Nel 2005 sono stati approvati 85 nuovi progetti in 35 Paesi, per un impegno complessivo di 1.374.266 euro. L'intervento di Mission Bambini è stato rivolto alle aree del mondo dove la povertà, il sottosviluppo, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi ed acute, come nel caso del continente africano.


    Erogazioni ai progetti nel 2005

    Nel corso del 2005 sono stati supportati anche interventi di emergenza per rispondere alla drammatica situazione generata dallo Tsunami in Asia e per far fronte alla grave carestia in Niger. Va sottolineata anche l'attenzione di Mission Bambini al proprio territorio: nel 2005 la quota deliberata per progetti in Italia ha raggiunto il 26% del totale dei fondi deliberati.
    I progetti sostenuti da Mission Bambini hanno una dimensione medio-piccola: nel 2005, l'85% dei progetti approvati ha avuto un contributo inferiore a 30.000 euro, il 15% dei progetti approvati ha avuto una dimensione più significativa, con un contributo superiore ai 30.000 euro.
    torna su <<


    La raccolta fondi
    Nel 2005, sono state raccolte 33.284 donazioni, con un incremento del 23,5% rispetto al 2004. I fondi raccolti sono stati pari a 2.206.526 euro, il 32,0% in più rispetto al 2004. Oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dai fondatori di Mission Bambini (il 19,5%), le quote più importanti dei fondi raccolti provengono dai privati (54,6%) e dalle aziende (14,8%). Le donazioni provengono da tutte le aree del territorio nazionale: il 41, 8% dal Nord, il 36,7% dal Centro Italia ed il 21,5% dal Sud e Isole.
    torna su <<


    Provenienza e destinazione dei fondi raccolti nel 2005


    La destinazione dei fondi raccolti
    I fondi raccolti dai sostenitori sono destinati ai progetti prescelti dal sostenitore stesso. Qualora i fondi raccolti a favore di un progetto di aiuto ai bambini risultino superiori al fabbisogno necessario per sostenere quel progetto, i fondi in eccesso sono destinati ad altri progetti di aiuto e sostegno ai bambini. Nel 2005, il 75% dei fondi raccolti da Mission Bambini è stato utilizzato per realizzare progetti concreti di aiuto in favore dei bambini. Il 25% dei fondi è stato re-investito in attività di raccolta fondi e informazione.
    Le spese per il supporto dell'organizzazione della Fondazione pari a 393.483 euro (stipendi del personale, canone locazione della sede, utenze varie, etc) sono state sostenute integralmente dai fondatori di Mission Bambini.
    torna su <<


    La corporate governance e la struttura organizzativa
    La Fondazione Mission Bambini si avvale dei seguenti organi istituzionali ai fini della "governance" della propria attività: il Consiglio di amministrazione, il Comitato tecnico, il Presidente, il Collegio dei sindaci. La struttura operativa di Mission Bambini si compone dei seguenti settori di responsabilità: Gestione progetti, Raccolta fondi, Comunicazione e immagine, Gestione volontari, Adozioni a distanza, Amministrazione. La sede operativa della Fondazione Mission Bambini si trova a Milano, in Via Ronchi 17.
    torna su <<


    Il patrimonio intangibile dei volontari
    Nel bilancio sociale 2005, abbiamo realizzato per la prima volta una valutazione del patrimonio intangibile apportato dai volontari all'organizzazione. Il valore intangibile, misurato con il metodo "Intangibile Assets Monitor" di Sveiby, è costituito dal capitale umano, dal capitale organizzativo e dal capitale relazionale.

    1) Il Capitale Umano: chi sono i volontari e cosa fanno:
    Le attività di volontariato presso la Fondazione Mission Bambini si possono suddividere in tre aree:
  • Volontariato in sede: si tratta di svolgere lavoro d'ufficio insieme ai collaboratori assunti dall'organizzazione.
  • Volontariato in Italia: si tratta di essere promotori sul proprio territorio di Mission Bambini, per esempio organizzando eventi di sensibilizzazione e raccolta fondi.
  • Volontariato all'estero: si tratta di fare un'esperienza all'estero, presso le comunità di bambini aiutate dalla Fondazione.

    Tra i volontari di sede e i volontari all'estero vi è una prevalenza di donne. I volontari di sede hanno prevalentemente un'età compresa tra i 45 ed i 60 anni, mentre i volontari all'estero hanno prevalentemente un'età compresa tra i 28 ed i 35 anni. Nel 2005 il gruppo dei volontari di Mission Bambini è notevolmente cresciuto in tutti i settori di attività ma soprattutto sul territorio italiano. Ciò grazie all'entusiastica partecipazione dei volontari al primo evento nazionale di piazza "Babbo Natale per un giorno".

    2) Il Capitale Organizzativo: la strategia per il volontariato
    La formazione dei volontari rappresenta senza dubbio uno degli aspetti qualificanti del rapporto tra la Fondazione e i volontari. Nel 2005 Mission Bambini ha organizzato 54 ore di formazione, con il coinvolgimento di 175 volontari. Un altro elemento di primaria importanza per supportare lo sviluppo della rete dei volontari è senza dubbio la comunicazione, interna ed esterna.

    3)Il Capitale Relazionale: le azioni dei volontari
    Allo scopo di valutare il complesso di risorse intangibili chiamato capitale relazionale, abbiamo misurato l'impatto del lavoro svolto dai volontari, sia in termini di ore lavorate, sia in termini di impatto della loro attività.

    Tipologia volontari N° volontari N° ore lavorate Impatto
    Volontari di sede 48 10.100 ore Equiparabile al lavoro di 5 collaboratori a tempo pieno in sede centrale
    Volontari in Italia 500 2.500 ore Visibilità in 58 piazze italiane, raccolta fondi pari a 97.000 Euro
    Volontari all'estero 40 800 giorni Equiparabile a 80 giorni di consulenza per la verifica dello stato di avanzamento di 40 progetti all'estero


    torna su <<
  • Numero di bambini aiutati

    Nel periodo 2000 - 2004 sono stati aiutati 66.189 bambini.

    I progetti e i risultati raggiunti

    Nel triennio 2001-2004 sono stati avviati 164 progetti, di cui 133 sono già stati conclusi. I progetti ancora in corso al 31 dicembre 2004 erano 100.

    I risultati raggiunti sono confortanti: in molte comunità di bambini è stata data una prima risposta al soddisfacimento dei bisogni primari della vita dei bambini e al loro accompagnamento nel percorso di crescita.

    Le erogazioni ai progetti a favore dei bambini e dei ragazzi sono aumentate da 646.878 Euro nel 2003 a 995.245 nel 2004. Negli ultimi 3 anni sono stati erogati fondi a favore dei bambini per un totale di 2.075.821 Euro.

    L'analisi delle erogazioni ai progetti per settore di intervento mostra una prevalenza di fondi erogati a favore dei progetti di Accoglienza (39%) e di Istruzione scolastica e formazione (37%).


    Erogazioni ai progetti nel 2004

    L'intervento di Mission Bambini è stato più frequente nelle zone del mondo dove la povertà, la malattia e la mancanza di istruzione sono più gravi ed acute.
    La suddivisione dei progetti per area geografica evidenzia infatti una prevalenza di progetti in Africa.
    I progetti in Italia sono invece stati pari al 13% sul numero totale dei progetti.


    Progetti per area geografica nel 2004

    Fondi raccolti e loro destinazione

    Nel 2004 Mission Bambini ha raccolto fondi per un totale di 1.671.914 Euro, di cui 1.251.914 Euro raccolti da Privati (Cittadini, Aziende e altre Fondazioni), mentre i restanti 420.000 Euro dai Fondatori di Mission Bambini.
    I proventi derivanti dalla raccolta fondi nel 2004 sono stati superiori del 48,8% rispetto all'anno precedente.

    La provenienza dei fondi raccolti nel 2004 è stata la seguente:


    Provenienza dei fondi raccolti nel 2004

    I fondi raccolti dai Privati sono stati destinati per l'80,1% a favore dei progetti e per il 19,9% sono stati utilizzati per le spese di supporto alla raccolta fondi.


    Destinazione dei fondi raccolti da Privati nel 2004

    Per maggiori informazioni, puoi leggere la versione integrale del bilancio 2004 (Pdf, 2,5 MB), o se preferisci quella sintetica bilancio 2004 (Pdf, 315 KB).