Filippine: 2.000 bambini di nuovo a scuola!

  • Condividi su:

Riparate le strutture colpite dal tifone Hayan dello scorso novembre.

Tutti ricordiamo le immagini viste ai telegiornali nazionali, a seguito del passaggio sulle Filippine del tifone Haiyan lo scorso 7 e 8 novembre. Interi centri abitati spazzati via dalla violenza del vento – fino a 300 km/h – e da gigantesche onde. Case, edifici, ponti di cui rimangono solo gli scheletri. Gente che dal fango cerca di trarre in salvo qualcosa. Accampamenti di tende, lunghe fila di persone e bambini in coda per ricevere cure e aiuti. È stata una delle peggiori calamità che abbia mai colpito l’arcipelago, provocando più di 6.000 morti, quasi 30.000 feriti, 1.000 dispersi e coinvolgendo 13 milioni di persone.

 Terminata la fase di prima emergenza, anche Mission Bambini ha voluto progettare un intervento per portare aiuto alla popolazione colpita e in particolare ai bambini. Il nostro aiuto - come già successo in passato in caso di analoghi disastri naturali - si è concentrato sulla fase di ricostruzione.

Nella municipalità di Buruanga (provincia di Aklan, regione di Visayas), dove sono state danneggiate parzialmente o totalmente più di 2.000 case e 22 edifici scolastici, abbiamo lavorato insieme al personale dell’ONG italiana CESVI e di Fairtrade Foundation Philippines per individuare 10 scuole da riparare. Nella maggior parte dei casi, il tetto è stata la parte maggiormente danneggiata, rendendo inagibili molte aule e costringendo i bambini di differenti classi a fare lezione contemporaneamente negli spazi ancora utilizzabili. Questo ha comportato un chiaro peggioramento della qualità delle lezioni.

A febbraio 2014 sono iniziati i lavori, che hanno coinvolto 35 operai locali tra muratori e carpentieri. Ad oggi gli interventi si sono conclusi in tutte le 10 scuole target. In alcuni casi si è reso necessario anche la riabilitazione del sistema sanitario delle scuole, l’acquisto di sedie, computer, strumenti di laboratorio andati distrutti durante il tifone.

Più di 2.000 bambini sono tornati ad una normale vita educativa e scolastica. Insegnanti e genitori sono stati coinvolti in un corso di formazione sulla preparazione all'emergenza ed hanno istituito un comitato per la pronta risposta ai disastri naturali che, purtroppo, ciclicamente colpiscono l’area. Infine, è stato costruito un argine di mantenimento di un fiume come protezione contro le alluvioni, proteggendo 350 famiglie che vedevano ogni anno le proprie case allagate.

La Fondazione ha contribuito alla realizzazione del progetto, cofinanziato insieme a UniCredit Foundation. Un grande grazie da parte dei bambini, dei genitori, degli insegnanti e dei direttori scolastici a tutti i donatori che hanno raccolto il nostro appello per aiutare la popolazione filippina colpita dal tifone Haiyan!

 Se vuoi continuare ad aiutarci, adotta un bambino delle Filippine a distanza! per saperne di più »

AIUTARE I BAMBINI NELLE EMERGENZE
In occasione di gravi calamità naturali o conflitti, Mission Bambini si è storicamente attivata per realizzare progetti di ricostruzione di scuole e strutture per l’infanzia e in generale progetti che aiutino le comunità colpite a riprendere una vita normale. Tra i principali interventi realizzati ricordiamo:

- 2004 Tsunami, Asia (India, Sri Lanka, Tailandia)
- 2009 Terremoto, Italia (L’Aquila)
- 2010 Terremoto, Haiti e Rep. Dominicana
- 2012 Terremoto, Italia (Emilia Romagna)

Per saperne di più »

{gallery}91944{/gallery}
Un intervento ha dato al piccolo Notion, un bambino cardiopatico di 2 anni dello Zimbabwe, la speranza di un futuro che altrimenti non avrebbe potuto avere. Margherita Castellan, coordinatrice dei volontari di Mission Bambini, ci ha raccontato la storia del piccolo e la gioia nel vedere che dopo l'operazione salva-vita stava bene! Leggi la sua testimonianza

Gli ultimi articoli

  • 02 Agosto 2018 di Arianna Nobili

    La storia di Lena è una storia molto difficile, che la accomuna a tante mamme sole che vivono in condizione di grande povertà in Italia. La nascita dei figli, poi i soprusi da parte del marito fino alla vita nella comunità mamma-bambino. Leggi la sua storia di rinascita.
  • 30 Ottobre 2017 di Alex Gusella

    Oggi, 30 ottobre 2017, è trascorso un anno esatto dal terremoto di Norcia. Pubblichiamo il racconto di viaggio del nostro volontario Paolo Brusaferri, che nella settimana di ferragosto ha percorso in sella alla sua moto i territori del Centro Italia colpiti dal sisma del 2016. Sali a bordo anche tu!

Tutti gli articoli »