Monsoni in Nepal: mettiamoli al sicuro!

Monsoni in Nepal: mettiamoli al sicuro!

Monsoni in Nepal: mettiamoli al sicuro!

  • Condividi su:

Il terremoto ha distrutto oltre 500mila abitazioni e sono arrivati i monsoni: vogliamo offrire un rifugio a 500 persone. Aiutaci!

mettiamoli-al-sicuro

Il Nepal non trova pace: dopo il terribile terremoto di fine aprile, che ha messo in ginocchio il Paese e ucciso quasi 9 mila persone, ora i nepalesi vivono in balia della stagione dei monsoni, con venti sferzanti e pioggia incessante. La maggior parte di chi ha perso la casa non ha che fragili tende per ripararsi dalla violenza dei monsoni e tra loro ci sono moltissimi bambini ancora traumatizzati.

Dopo la nostra immediata mobilitazione per l’emergenza, ora dobbiamo intervenire in fretta perché questi bambini, già provati dalla tragedia che hanno vissuto, possano avere un riparo sicuro sotto il quale affrontare le imminenti piogge e per evitare il rischio di epidemie, che con i monsoni potrebbero diffondersi.

Accanto ai bambini nepalesi fin dal primo giorno del terremoto:

NEPAL-distribuzione-aiuti

Ecco cosa abbiamo fatto fino ad oggi grazie all'aiuto di tutti coloro che sono stati al nostro fianco in questa emergenza insieme ad Apeiron, nostro partner in loco:

Kit alimentare di supporto alle famiglie (costo unitario 20€)
300 famiglie hanno ricevuto un kit composto da 1 sacco di riso da 30 kg, 5kg di lenticchie, 1lt. di olio e un 1 kg di sale sufficiente a sfamare la famiglia per circa un mese.

Kit alimentare per donne incinta e neomamme (costo unitario 25€)
160 mamme e donne incinte hanno ricevuto un kit di aiuto (tra cui cibi nutrienti per favorire produzione del latte e latte in polvere) appositamente composto per loro, in accordo con il WDO (Women Development Office), in considerazione dei loro bisogni.

Aiutaci a metterli al riparo!

La situazione è particolarmente critica a Jahrlang, uno dei villaggi più poveri e remoti del distretto di Dhading, come ci racconta Barbara Monachesi dell’associazione Apeiron, nostro partner locale.
Qui gli edifici sono quasi tutti distrutti e le tende donate alle famiglie subito dopo il terremoto non possono sostenere a lungo l’impatto con le piogge monsoniche.
Vogliamo garantire a 100 famiglie un riparo sicuro, costruendo 100 rifugi temporanei in grado di ospitare 500 persone, la maggioranza bambini impauriti.

NEPAL-costruzione-rifugi giugno-2

Questi rifugi sono realizzati facilmente con materiali reperibili in zona e hanno una struttura in metallo, bamboo e onduline che potranno essere riutilizzati per le costruzioni delle future case. I ripari permetteranno alle famiglie di sentirsi protette nonostante le enormi difficoltà che stanno affrontando da mesi, aiutandole a far tornare un po’ di serenità nelle loro vite sconvolte.

Ma non è tutto. Vogliamo anche realizzare un centro scuola, sempre temporaneo, per far ripartire le attività scolastiche e permettere a 30 bambini di tornare a una sorta di normalità.

Aiutaci subito!

Fai una donazione online  oppure:
• chiama il nr 02 21.00.241 per fare una donazione con carta di credito al telefono
• dona con bonifico: IBAN IT63U0335901600100000067111 indicando nella causale "SOS Nepal".

NEPAL-rifugio-pronto

{gallery}92428{/gallery}
Un intervento ha dato al piccolo Notion, un bambino cardiopatico di 2 anni dello Zimbabwe, la speranza di un futuro che altrimenti non avrebbe potuto avere. Margherita Castellan, coordinatrice dei volontari di Mission Bambini, ci ha raccontato la storia del piccolo e la gioia nel vedere che dopo l'operazione salva-vita stava bene! Leggi la sua testimonianza

Gli ultimi articoli

  • 02 Agosto 2018 di Arianna Nobili

    La storia di Lena è una storia molto difficile, che la accomuna a tante mamme sole che vivono in condizione di grande povertà in Italia. La nascita dei figli, poi i soprusi da parte del marito fino alla vita nella comunità mamma-bambino. Leggi la sua storia di rinascita.
  • 30 Ottobre 2017 di Alex Gusella

    Oggi, 30 ottobre 2017, è trascorso un anno esatto dal terremoto di Norcia. Pubblichiamo il racconto di viaggio del nostro volontario Paolo Brusaferri, che nella settimana di ferragosto ha percorso in sella alla sua moto i territori del Centro Italia colpiti dal sisma del 2016. Sali a bordo anche tu!

Tutti gli articoli »